Lite Allegri Inzaghi: i due provano a ridimensionare l'accaduto - Notizie.it
Lite Allegri Inzaghi: i due provano a ridimensionare l’accaduto
Calcio

Lite Allegri Inzaghi: i due provano a ridimensionare l’accaduto

“Non è successo niente con Pippo Inzaghi, non c’è assolutamente nessun problema, anche perché quest’anno è passato dall’altra sponda, e visto che c’è collaborazione con il settore giovanile, c’è stato uno scambio di un minuto di opinioni ma senza nessuna offesa o scambio di parole pesanti come è stato scritto e detto”. Lo ha detto il tecnico del Milan, Massimiliano Allegri che con il tecnico degli allievi nazionali rossoneri, Filippo Inzaghi dice di non aver alcun problema. I due tecnici dai microfoni di Milan Channel hanno ridimensionato quanto è uscito sui media su un loro presunto litigio.

“C’è poco da dire – aggiunge Inzaghi – è durato un minuto e i ragazzi non si sono accorti di niente perché non è successo nulla, questa è la cosa che ci dispiace più di tutto. Siamo il Milan. Tutti vogliamo il bene del Milan, io lavoro per questa società, ci mancherebbe che fosse successa una cosa simile, quindi ci dispiace molto e in questo momento bisognerebbe dare una mano al Milan invece di scrivere cose che non sono effettivamente successe.

Siamo qui per dirlo, perché ci sembrava giusto nei confronti della società e dei nostri tifosi”.
“Io spero di rimanere al Milan a lungo, non sarò l’eterno allenatore del Milan e credo che Filippo abbia tutte le caratteristiche per fare un’ottima carriera ad allenatore, è partito da un’ottima base, gli allievi nazionali del Milan ed ha la possibilità di fare un’ottimo lavoro, visto che la società ha voluto che si intensificassero i rapporti tra la prima squadra e il settore giovanile e mensilmente abbiamo anche uno scambio di idee. Io posso apprendere da loro perché il settore giovanile per me è un mondo tutto nuovo, non ci ho mai allenato e per avere soprattutto una linea unica come quella della società”, aggiunge Allegri, parlando del giovane tecnico.
Inzaghi reputa eccessive le critiche verso il Milan. “Questa squadra ha sempre abituato tutti benissimo, il Milan ha abituato a vincere sempre e nelle sconfitte fa più scalpore di altre.

Bisogna lasciare in pace lavorare il mister e il Milan. In questi anni hanno fatto benissimo, ci può essere un momento difficile, ma io penso che con l’aiuto di San Siro e di tutti, il Milan tornerà ad essere protagonista. Anche io sono tifoso del Milan e sono il primo a sperarlo”, ha detto l’ex attaccante.
Allegri difende il lavoro svolto e la sua squadra. “In questo momento ci preoccupiamo più di quanto dovremmo, è vero che abbiamo solo 3 punti in campionato e non abbiamo vinto in Champions, però la squadra è completamente nuova, bisogna affrettare i tempi per arrivare alla vittoria, ma ci sono delle cose positive. Bisogna continuare a lavorare come la squadra ha fatto fino ad ora con totale disponibilità”, aggiunge l’allenatore livornese.
I rossoneri sono attesi domenica in campionato dalla sfida delicata con l’Udinese. “Domenica sarà una partita difficile, l’Udinese in Europa League ha fatto una buona partita, ha dei giocatori importanti soprattutto in avanti, bisogna prepararsi per bene.

Sottovalutare gli avversari? Credo sia una cosa da escludere, nessuna squadra del mondo se lo può permettere. Fino a questo momento quanto hanno fatto in campo i ragazzi non è bastato per arrivare alla vittoria, ci manca ancora qualcosa per arrivarci, migliorare il gioco e arrivare ad una situazione di normalità. Quando passi dei periodi in cui non vinci vedi più nero di quello che realmente è”.
Infine Inzaghi sottolinea la bella esperienza in panchina. “E’ una bella esperienza stare a contato con i giovani del Milan, mi gratifica molto, e adesso facciamo un in bocca al lupo al Milan che ha una partita difficile a Udine”, aggiunge Inzaghi prima di stringere la mano ad Allegri. “Problemi non ce ne sono mai stati e siamo dalla stessa parte”, conclude Allegri.
(Fonte Adnkronos)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche