Loris Castagnini a SEO&Love: “Creo contenuti digitali per la gente”
Scienza & Tecnologia

Loris Castagnini a SEO&Love: “Creo contenuti digitali per la gente”

Loris Castagnini

Loris Castagnini sarà uno degli “smarmellatori” ufficiali di SEO&Love. Cosa sarà mai uno “smarmellatore”? Scopritelo con noi.

Al SEO&Love di Verona si parlerà di content marketing, un tema molto caro a Loris Castagnini, che ne ha fatto la sua professione nella vita. Vediamo in una breve intervista di cosa si occupa e come gestisce il suo lavoro.

Sei un esperto di Content Marketing, ci racconti un po’ del tuo lavoro?

Il mio lavoro consiste nel creare contenuti, digitali e non, considerando il motore di ricerca come la conseguenza di un’azione che ha raggiunto un obiettivo.
Costruisco contenuti per la gente, non per Google: poi sarà Google che troverà la gente che sta cercando me. Il “contenuto” è costituito da elementi preziosi per le persone, non per i motori di ricerca; andando contro tendenza identifico la persona come il “vero RE”, non i contenuti. Questi ultimi infatti si limitano ad essere dei prodotti che verranno utilizzati dalle persone: se non soddisfano le persone non piaceranno nemmeno a Google & C.

Tre parole che descrivono il tuo lavoro?

1) Studio
Non è mai finita! Ogni giorno mi sveglio e guardandomi allo specchio mi ripeto: “oggi ricominceremo da zero?” – Questa professione si evolve ad una velocità quasi incomprensibile e irraggiungibile, per questo investo ogni giorno il mio tempo in ore dedicate allo studio.

Oggi impari cose che domani potrebbero essere già evolute in qualcosa di diverso.

2) Condivisione
Vince chi collabora, diceva un tizio. Niente di più vero. La Rete stessa è condivisione. Il mio lavoro senza la condivisione sarebbe sterile. La Rete è un intreccio di connessioni e di informazioni di cui noi stessi siamo parte integrante. Senza connessione non c’è Rete, senza condivisione non c’è valore.

3) Impegno
Dalle 6,30 alle 23 la mia reperibilità. Come libero professionista posso gestire il mio tempo, il che non significa “fare quello che si vuole” ma equilibrare risorse, energie e decisioni da prendere per i clienti in ogni momento. Significa analisi e consulenza, significa formazione e affiancamento, significa trovare in qualsiasi particolare un potenziale contenuto utile per sviluppare una risorsa.

Che consiglio daresti a un ragazzo che vuol intraprendere lo stesso percorso professionale?

Passione. Il mio consiglio è la passione. Senza di quella non puoi permetterti di dedicare così tanto tempo a questo lavoro che richiede conoscenze in più settori: grafico, tecnico, programmazione, marketing, relazioni.

Un impegno, che ti chiama a qualsiasi ora di qualsiasi giorno, lo devi semplicemente amare.

Secondo te, quali saranno le novità del 2017 in merito al digital marketing?

Non sottolineo particolari novità perché non mi affeziono a nessuna di queste: reputo ogni novità molto interessante se diventa utile per il mio cliente. In pratica, non mi ci butto perché è la moda ma lo faccio solo se mi permette di portare a casa i numeri che contano: vendite non like.
Se dovessi evidenziare una novità presterei attenzione all’Intelligenza Artificiale che sta facendo passi da gigante. Questa sarà senz’altro una poderosa accelerazione verso una evoluzione ancora sconosciuta, allo stesso tempo molto pericolosa ma piena di immense opportunità.

Tre parole che descrivono SEO&LOVE?

• Magico
Per me SEO&LOVE nasce da un allineamento di Astri nel cielo: una concomitanza di eventi positivi che mi hanno portato qui e che ho saputo cogliere al momento giusto. SEO&LOVE nacque già potente, più di quanto si credesse, e ci mise subito in difficoltà logistiche. Ho saputo connettere gli elementi nel modo corretto per rendere questo evento qualcosa di gustoso con il Top che offre il territorio.

• Bello
Quest’anno avremo Duccio Bellezza sul palco: farà da intrattenitore e cornice a relatori di fama internazionale.

Un tocco chic in un oceano di informazioni preziosissime che ci travolgeranno per ore.

• Imperiale
È partito tutto da una piccola struttura per poi trasferire di velocità l’evento in un Teatro; ora siamo arrivati al Palazzo della Gran Guardia. Questo significa una sola cosa: VALORE! Questo evento ha un valore intrinseco che fa crescere l’attesa di anno in anno. Ad un mese di distanza i biglietti erano già tutti esauriti.
Di questo passo possiamo pensare all’Arena di Verona…

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche