×

Luca Morisi, la difesa chiarisce: “Il flacone con il liquido non apparteneva a lui”

Indagine per droga, spunta la difesa e chiarisce: “Il flacone con il liquido non era di Luca Morisi il quale, evidentemente, non può averlo ceduto a terzi”

Luca Morisi

Nello spinoso caso di Luca Morisi la difesa dell’ex guru social della Lega chiarisce: “Il flacone con il liquido non apparteneva a lui”. Con gli accertamenti della Procura in corso la linea dell’avvocato Fabio Pinelli sconfessa la tesi della “cessione a terzi” e punta a resettare in punto di diritto lo scenario dello “spaccio”

Caso Morisi, la difesa chiarisce sul flacone di liquido indicato dai due ragazzi: “Non era suo”

Ancora pensieri sul piano politico per la Lega e per Matteo Salvini dunque ma primi passi in procedura, cioè nella sede naturale ed unica (o almeno così dovrebbe essere) della vicenda giudiziaria di Morisi. Il sunto è che l’iscrizione a registro di Morisi era avvenuta dopo il fermo ad agosto da parte dei carabinieri di due ragazzi stranieri. 

Il flacone misterioso, la difesa di Morisi chiarisce: “Non può averlo ceduto perché non gli apparteneva”

La coppia aveva di fatto accusato Morisi di aver ricevuto sostanze stupefacenti da lui. Su natura e titolarità di quel flaconcino con del liquido sono in corso gli accertamenti della Procura, ma l’avvocato Pinelli ha diramato una nota: “Il flacone con del liquido non era di Luca Morisi, il quale, evidentemente, non può averlo ceduto a terzi”. 

La difesa di Morisi e l’endorsement alla Procura, e sul flacone Pinelli chiarisce: “Non apparteneva a lui”

Poi la chiosa di prammatica e bon ton procedurale: “C’è piena fiducia nel lavoro degli inquirenti e condivisione delle parole del procuratore della Repubblica di Verona”. Quali? Quelle secondo cui per il capo dei requirenti scaligeri “si tratta di un fatto banale per quanto riguarda l’autorità giudiziaria”.

Contents.media
Ultima ora