×

Luciana Littizzetto positiva al Covid? La conduttrice in isolamento: “Sola dentro la stanza”

Attraverso poche e semplici parole Luciana Littizzetto ha parlato su Instagram delle sue condizioni di salute. L'attrice e nota comica si trova in isolamento: è positiva al Covid?

Luciana Littizzetto Covid
Luciana Littizzetto Covid

“Tu sola dentro la stanza e tutto il mondo fuori”. Luciana Littizzetto si è confidata così su Instagram dove ha parlato seppure in maniera accennata delle sue condizioni di isolamento: potrebbe essere risultata positiva al Covid? Impossibile non notare la citazione di Vasco Rossi da Albachiara.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Luciana Littizzetto (@lucianinalittizzetto)

Luciana Littizzetto, ha il Covid? Le lettere al ministro Speranza

Nei mesi scorsi “Lucianina” durante i suoi consueti interventi a “Che tempo che fa”, nello studio di Fazio aveva scritto una lettera indirizzata al Ministro della Salute Speranza.

Queste le sue parole: “Caro Roberto, questa settimana il Senato ha deciso che le 389 famiglie di medici di base, guardie mediche, e specialisti morti a causa del Covid non avranno nessun risarcimento. Nessun ristoro: abbiamo ristorato tutti tranne quelli che hanno ristorato noi. In questo Paese diamo soldi e bonus a tutti, se qualcuno chiedesse un bonus per il cane che dopo il lockdown riesce a far pipì solo sul balcone magari glielo darebbero pure.

Ma per le famiglie dei medici, no. Il Senato ha detto no“.

“38mila euro per ripagare un medico… è una svendita?”

La comica aveva poi proseguito parlando del dramma che hanno vissuto e stanno vivendo le famiglie dei medici che hanno perso la vita a causa del Covid-19: “Poi, venerdì sera, pem.

Tu, Sperry, hai avuto una illuminazione. Ti si è acceso un faro e hai scritto che ‘stanzierete’ – futuro semplice – 15 milioni di euro. Questo lo hai scritto in un tweet. Così ho fatto i conti: 15 milioni diviso 389 famiglie fa 38.500 euro circa. 38mila euro per ripagare una persona, un medico. Allora mi chiedo: cos’è, una svendita? Un black friday?” […] Non hanno perso la macchina, ma la vita, mettendosi al servizio della comunità. I primi mesi lo hanno fatto senza orari, con totale impreparazione del Sistema Sanitario, senza protezioni. Alcuni di loro erano in pensione. Sono tornati in servizio per dare una mano e hanno perso la vita. Mi chiedo: facevamo gli applausi dai balconi, abbiamo dedicato a loro giornate, murales, accendevamo candele, pubblicavamo le loro foto etc. Prima niente e ora 38.000 euro. Valgono così poco?”

Contents.media
Ultima ora