×

“Malata di omosessualità”, indignazione per la diagnosi in un ospedale spagnolo

“Malata di omosessualità”, indignazione per la diagnosi in un ospedale spagnolo, dove un ginecologo chiede in inserire l'orientamento nel referto

Diagnosi aberrante in un ospedale spagnolo

“Malata di omosessualità”, questa la agghiacciate diagnosi effettuata in un ospedale spagnolo, diagnosi che ha suscitato l’indignazione corale di un paese intero e del sistema sanitario nazionale. Un ginecologo del “Reina Sofia” a Murcia la redige per una 19enne in visita per un disturbo del ciclo e la madre della ragazza scatena un comprensibile finimondo. 

“Malata di omosessualità”, indignazione e sconcerto in Spagna

Vittima di quella discriminazione una giovane in visita ginecologica al nosocomio per problemi di proiomenorrea, un disturbo del ciclo mestruale. E la madre della 19enne, dopo aver letto la diagnosi sprezzante del ginecologo, ha scritto a El Diario ed ha presentato denuncia formale contro quel medico al Sistema sanitario della Spagna e della regione di Murcia

Il referto medico: “Malata di omosessualità”, indignazione e battaglia della madre di una 19enne

Descrivere un orientamento sessuale come una malattia è aberrante e la donna, identificata come “Santi”, ha chiesto che vengano rimosse tale informazioni perché ”vessatorie”. Una denuncia che ha visto l’adesione del collettivo Lgbti di Cartagena “Galactyco”. Secondo il racconto la 19enne era uscita in lacrime dallo studio medico, dove ”le è stato chiesto se si poteva inserire nel referto che era omosessuale“. 

Recidivo il medico che avrebbe definito “malata di omosessualità” una ragazza, scatenando l’indignazione di tutti

Pare, almeno secondo il resoconto della madre, che è anch’essa operatore sanitario, che il medico in questione non sia nuovo a simili esternazioni. Dal canto suo Galactyco ha inviato lettere al ministero della Salute per chiedere la rettifica immediata e le scuse alla paziente, nonché l’applicazione della legge spagnola sull’uguaglianza sociale assoluta di ogni categoria gender. 

Contents.media
Ultima ora