×

Malika Chalhy: “La Mercedes? Chiedo scusa, sono stata ingenua ma non mi aspettavo tanto odio”

Dopo le critiche indirizzate a Malika Chalhy, la giovane si è scusata: "Dovevo essere chiara da subito. Però non penso di aver fatto del male a qualcuno".

Malika Chalhy Mercedes

In molti ricorderanno la storia della giovane Malika Chalhy, cacciata di casa dalla sua famiglia perché omosessuale. Chi avrebbe dovuto amarla, sostenerla e accompagnarla nel suo futuro ha preferito sbarazzarsi di lei, minacciandola e insultandola. Con i soldi della raccolta fondi organizzata per aiutare Malika Chalhy, rimasta senza una famiglia né una casa, la giovane ha acquistato anche una Mercedes, suscitando la rabbia di molte persone.

Anche chi l’ha sempre sostenuta pare sia rimasto deluso dalla decisone della ragazza, attorno alla quale si è sollevata una polemica rimbalzata su tutti i giornali. Ora lei si scusa e ammette: “Dovevo essere più chiara fin da subito. Da un momento all’altro sono stata catapultata in un meccanismo più grande di me. Penso di essere stata molto ingenua. Mi dispiace se così facendo ho deluso tutti”.

Malika Chalhy, polemica per la Mercedes comprata con i soldi della raccolta fondi: le scuse della ragazza

Malika è stata umiliata dopo aver fatto coming out e ripudiata dai suoi stessi familiari. Lei ha raccontato la sua storia, che è finita su tutti i giornali e in tutti i canali televisivi. Di lei si è molto parlato e in tantissimi si sono stretti attorno alla sua sofferenza, sostenendola nella difficile prova che la vita le ha posto lungo il suo cammino. D’un tratto è rimasta sola, ma Malika non si è mai data per vinta.

Con la sua tenacia ha combattuto il dolore vissuto e il suo amore per la fidanzata Camilla le ha permesso di asciugare le molte lacrime versate e ritorvare il sorriso. È proprio con Camilla che Malika ha ripreso in mano la sua vita, accantonando definitvamente la sofferenza dell’ultimo periodo. La sua storia ha commosso tutti e molti si sono attivati per supportarla e offrirle un aiuto economico per far fronte alle spese e al suo sostentamento.

Proprio grazie alla raccolta fondi in suo sostegno, la giovane è riuscita ad affittare un appartamento a Milano, dove ora vive con Camilla. Eppure, con i soldi ricavati dalla raccolti fondi a lei indirizzata, Malika ha comprato anche una Mercedes.

Molte le critiche indirizzate alla ragazza, che ha ricevuto anche parecchi insulti. Lo ha raccontato lei stessa, che ora si scusa. Infatti, Malika inizialmente aveva fatto sapere che l’auto apparteneva alla fidanzata. Successivamente però, la verità è venuta a galla e Malika ha spiegato di essersi voluta togliere “uno sfizio”. Immediate le reazioni d’ira. In un’intervista rilasciata a Fanpage.it, ha dichiarato: Sto ricevendo una valanga di messaggi di odio. Onestamente non mi aspettavo così tanta cattiveria, soprattutto da parte delle persone che prima mi hanno aiutata. La cosa che mi fa più male di tutte è il pensiero di averli delusi. Chiedo scusa, dovevo essere più chiara fin da subito. Però non penso di aver fatto del male a qualcuno, ho agito senza malizia né cattiveria.

Malika Chalhy, polemica per la Mercedes: qual è la sua verità

“Quando io e Camilla abbiamo trovato casa a Milano abbiamo deciso di comprare un’altra macchina perché la mia non stava più in piedi. Ho dato la mia in permuta e ho acquistato una Mercedes di seconda mano con 70.000 chilometri. L’ho pagata 17.000 euro. Avrei potuto spenderli per comprare un’utilitaria, ma ho pensato che non avrei speso molto di meno tra costi di carrozzeria e dovendola cambiare magari tra qualche anno”. Così Malika ha risposto alle accuse riguardanti la decisione di acquistare una Mercedes.

Poi ha precisato: “In quel momento avevo la disponibilità economica e l’ho sfruttata. Probabilmente l’ho fatto nel momento sbagliato, me ne rendo conto”.

Commentando le bugie sulla provenienza dell’auto, Malika ha aggiunto: Ero sotto pressione. Mi cercava mezza Italia, decine di manager, tv, radio. Sono stata travolta, chiedo scusa”.

Intanto, stando a quanto da lei dichiarato, Malika sta investendo in diversi progetti i soldi ricevuti dalla raccolta fondi. Infatti, ha tenuto a sottolineare: “Non mi sono solo comprata una macchina con i soldi che ho ricevuto. Ho fatto anche beneficenza e continuo a farla, mi sono pagata le spese legali, lo psicologo, il dentista, l’affitto. Ho riempito con qualche corredo la casa che condivido con Camilla. Ripeto, non era il momento di comprare anche l’auto. Ma dopo l’inferno che ho passato e con il dono meraviglioso che ho ricevuto da parte dalle tante persone che hanno voluto aiutarmi, mi sono fatta questo regalo”.

Malika Chalhy, la polemica per la Mercedes e i piani per il futuro

Molte persone che hanno deciso di aderire alla raccolta fondi aperta per Malika, lo hanno fatto per permetterle di costruirsi un buon futuro. A tal proposito, la ragazza ha commentato: Da quando ho ricevuto gli aiuti non ho mai smesso di cercare lavoro. Sto mandando CV su CV, per ora nessuna candidatura ha avuto un esito positivo. Per quanto riguarda gli studi, vorrei iscrivermi a un corso online di giurisprudenza.

Tra le candidature inviate da Malika, c’è “un’agenzia di assicurazioni”, l’altra è per un posto da “segretaria in un ufficio marketing”. Quindi ha sottolineato:Non sto facendo la bella vita, contrariamente a quello di cui mi accusano”.

Scusandosi per l’errore, ha aggiunto: “Penso di essere stata molto ingenua. Sono una ragazza di 22 anni uscita da un periodo orribile. Le persone che mi hanno aiutata sono diventate la famiglia che non ho mai avuto. Averli delusi mi fa malissimo. Spero che una macchina non cancelli tutto quello che di buono credo di aver fatto in questi mesi”.

Contents.media
Ultima ora