Malore Nadia Toffa: il mistero e la spiegazione inquietante
Malore Nadia Toffa: il mistero e la spiegazione inquietante
Gossip e TV

Malore Nadia Toffa: il mistero e la spiegazione inquietante

Nadia Toffa

Nadia Toffa ha avuto un malore. Ora sta bene e durante la diretta di domenica sera delle Iene, Nicola Savino ha spiegato le dinamiche dell'incidente.

Le Iene non mollano. Prendono esempio da una delle sue conduttrici, una delle inviate più amate e seguite di sempre. Nadia Toffa. Domenica sera la puntata è andata in onda, non si sono fermati. Forse perché fermarsi avrebbe voluto dire arrendersi al malore che ha colpito Nadia. Invece, loro sono andati avanti, come lei. La puntata è stata seguita da due milioni e mezzo di telespettatori. Nicola Savino e Giulio Golia sono stati affiancati da Matteo Viviani, in via del tutto esclusiva. “Siamo sempre in tre” ha esordito Savino “Ma c’è una sostanziale differenza: manca una nostra cara amica, la nostra Nadia”. La Toffa è stata colpita da un malore senza nome né origine, che l’ha costretta a stare nel letto di un ospedale da sabato pomeriggio.

Nadia Toffa

Il malore di Nadia Toffa

Nicola Savino ha preso per primo la parola nello show di Italia Uno. Nonostante il clima pesante, il conduttore ha voluto spiegare perché accanto a lui e a Giulio Golia ci fosse Matteo Viviani.

Così ha spiegato che Nadia Toffa, amica e terza conduttrice della domenica delle Iene, ha avuto un malore che l’ha costretta a restare in un letto d’ospedale.

“Le ultime 30-32 ore sono state terribili” ha proseguito Savino. “Non ditelo in giro, che anche le Iene ogni tanto piangono, ma è stato un colpo forte”. Tutti erano a conoscenza del malore che ha colpito Nadia Toffa. Peccato che non fosse molto chiaro il motivo di tale incidente.

Nadia Toffa si trovava a Trieste per girare un servizio destinato allo show. Si è sentita male nella propria stanza d’albergo, intorno alle 13.45 di sabato 2 dicembre. Non era chiaro, però, quale fosse il motivo. L’inviata è stata immediatamente soccorsa e portata all’ospedale di Cattinara, a Trieste.

Più tardi, nel pomeriggio, è uscita la notizia che si sarebbe trattato di una “patologia cerebrale in via di definizione”. La prognosi, però, è rimasta riservata.

Savino ha spiegato in diretta le motivazioni del malore della Toffa

“La nostra Nadia è stata male e quello di cui forse non vi rendete conto è di quanto noi tutti ci siamo spaventati.” ha iniziato Savino, durante la diretta di domenica sera delle Iene.

Ha spiegato, per quanto gli fosse possibile, le motivazioni che hanno portato la collega a ritrovarsi in un letto d’ospedale.

Savino ha spiegato che poco prima delle 13 hanno ricevuto una telefonata dalla hall di un hotel di Trieste, proprio dove Nadia era andata per girare un servizio. Qualcuno al di là della cornetta li voleva avvisare del fatto che Nadia fosse caduta a terra, priva di sensi. Inizialmente, la paura è stata tanta ed i pensieri negativi altrettanti. La redazione del programma Mediaset si è fermata, preoccupata per la salute della loro inviata.

“L’ambulanza è arrivata subito. Abbiamo appreso si trattava di un codice rosso e alla notizia uno di noi si è precipitato in ospedale” ha proseguito Savino. Nonostante questo, non è stato possibile scoprire quale fosse il motivo del suo malore. Era vietato dare informazioni a riguardo ai non parenti.

“Ci si è gelato il sangue” ha ammesso Savino. Poi, una bella notizia.

Alle 18.30 circa i medici hanno assicurato tutti, dicendo che Nadia si era svegliata. Da lì, tutta la redazione delle Iene ha potuto calmarsi e tirare un sospiro di sollievo. “Adesso Nadia è al San Raffaele di Milano, per stare vicina ai suoi affetti. Sull’elisoccorso ha persino detto “Che bello, mi faccio un giro gratis!”. E’ fuori pericolo di vita, ma piena di tubi.” ha concluso, poi, Savino. Tutto il pubblico in studio ha voluto omaggiare la Iena con un “Ciao Nadia“. Nonostante ciò, mancano alcuni accertamenti. Ancora non è chiara l’origine di questo male che ha colpito Nadia Toffa.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche