Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Maltempo a Cervinia: possibile riapertura della strada
Cronaca

Maltempo a Cervinia: possibile riapertura della strada

Maltempo
Sopralluoghi della Protezione Civile dopo che il maltempo che ha seppellito sotto 2 metri di neve Cervinia, isolandola da Giovedì.

Sopralluoghi della Protezione Civile dopo che il maltempo che ha seppellito sotto 2 metri di neve Cervinia, isolandola da Giovedì.

Gli uomini della Protezione Civile della Valle d’Aosta stanno valutando la riapertura della strada regionale che porta a Cervinia. Il maltempo dei giorni scorsi aveva seppellito la famosa località sciistica sotto un pesante manto di neve di 2 metri. Una nevicata che ha isolato Giovedì scorso Cervinia stessa, intrappolando al suo interno un ingente numero di turisti: quasi 10000 per l’esattezza.

La super-nevicata portata portata dal maltempo ha inoltre innalzato in maniera drastica il rischio di valanghe e slavine. Rischio che ha portato alla chiusura della strada da e per Cervinia dopo le 17.00 di ieri. Decisione saggia quella di chiudere la strada, dato che si sono registrate due slavine che hanno raggiunto la strada. Sempre nella giornata di ieri un’altra slavina ha raggiunto un albergo a Cervinia, ma fortunatamente non ha provocato danni. La zona è segnalato come rischio-4 per le valanghe. Il resto della regione è a rischio-3.

Prevista per oggi, verso mezzogiorno la riapertura delle strade. Decisione sostenuta dalle ampie schiarite di queste ore. Si attende il via libera della Protezione Civile regionale che in queste ore sta effettuando sopralluoghi nella zona.

Maltempo da record

Continua il percorso della tempesta Eleonor, la perturbazione che sta violentemente flagellando l’intera Europa. La Valle d’Aosta durante la notte ha subito una ulteriore nevicata. Courmayeur si è risvegliata con un manto di 60 centimetri circa sulle sue strade e il centro funzionale della Valle d’Aosta ha registrato dei distacchi di neve dai pendii dietro il traforo del Monte Bianco. Distacchi si sono avuti anche in altre zone della regione: Toula, Brenva, Mont Chetif, e dietro la zona abitata di Dolonne e di La Vilette. Nella zona tra Bionaz e Oyance una slavina ha invaso la strada regionale, bloccandola. Anche la zona di Rhemes è stata interessata da valanghe. Ad essere flagellata è anche il Trentito Alto-Adige, dove il rischio valanghe è valutato a livello 3.

Zona specialmente interessata dai distacchi e dalle valanghe è quella della Val Venosta Occidentale.

Nonostante le schiarite che il maltempo oggi concede, sembra che nel fine settimana sia destinato a peggiorare ulteriormente. La tregua del maltempo durerà fino a Sabato. Già da Domenica-Lunedì il maltempo rinforzerà la sua sferza colpendo soprattutto la zona alpina dell’Italia. Un peggioramento sensibile secondo il centro funzionale di Aosta proprio a partire dalla mattina di Domenica. La Protezione Civile regionale mantiene costante il monitoraggio. Valutata la possibilità di una chiusura degli impianti sciistici che vedono i loro affari rovinati dalle condizioni violente del tempo atmosferico.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche