Maltempo, tromba d’aria nel Milanese: case scoperchiate
Cronaca

Maltempo, tromba d’aria nel Milanese: case scoperchiate

tromba d'aria nel Milanese
tromba d'aria nel Milanese

Maltempo nella notte tra il 4 e il 5 luglio. A Milano una violenta tromba d'aria ha scoperchiato diversi edifici. Bomba d'acqua a Torino

Una violenta tromba d’aria nel Milanese si è abbattuta nella notte tra mercoledì 4 e giovedì 5 luglio, nella zona di Pozzo d’Adda. Il terribile nubifragio ha scoperchiato una palazzina, danneggiando i tetti di numerosi altri edifici. I vigili del fuoco son ancora sul posto. E’ necessario rimuovere rami d’albero caduti sulle strade, per riportare il traffico alla normalità e mettere la viabilità in condizioni di sicurezza. Attualmente non si registrano danni gravi alle persone. Il fiume Seveso è esondato ed è rientrato dopo alcune ore.

Maltempo nel Milanese

Tetti scoperchiati per il vento fortissimo nel Milanese. Alberi caduti a terra, case allagate, cantine sommerse e aziende che contano i danni: è questo il bilancio della violenta tromba d’aria ha colpito il territorio. Tutta la Lombardia ne ha risentito, con alberi caduti e tetti spazzati via dal maltempo. I vigili del fuoco sono ancora in azione, per rimuovere i rami caduti e riportare le condizioni stradali agibili e sicure.

tromba d'aria nel Milanese

Numerosi i disagi alle linee ferroviarie. La circolazione, fa sapere Rfi, è stata sospesa sulla linea Luino-Gallarate, nel varesotto. La tratta è rimasta chiusa dalla notte tra il 4 e il 5 luglio, per danni alla rete ferroviaria e per uno smottamento fra Besozzo e Ternate-Varano Borghi. La mobilità, in alternativa, è stata garantita con un autobus fra Luino e Gallarate. E’ ancora in corso l’intervento dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana “per ripristinare la piena funzionalità dell’infrastruttura”, hanno fatto sapere.

A causa del violento nubifragio, anche il fiume Seveso è esondato. I danni si sono registrati nella notte scorsa alle 3 e 10. Tre ore più tardi, alle 6 e 15, è rientrato sotto i livelli. A renderlo noto è il Comune di Milano il quale spiega che dalla mezzanotte era attivo il Centro operativo comunale. Con i soccorsi del Coc anche le squadre di Protezione civile, Polizia locale, MM, Amsa erano pronte ad entrare in azione.

Il canale scolmatore di Palazzolo è stato riaperto dopo poche ore.

tromba d'aria nel Milanese

Gravissimi danni in particolare a Cesano Maderno (e paesi limitrofi). Nel corso della notte, infatti, l’acqua piovana nell’arco di circa mezz’ora è salita rapidamente oltre i livelli di guardia. Attualmente è in corso la fase di pulizia delle strade dal fango. Appena riaperto alla circolazione viale Sarca. Resta chiuso viale Fulvio Testi nelle due direzioni di marcia tra via Cà Granda e viale Marche. La situazione dovrebbe rientrare alla normalità entro qualche ora. E’ però prevista una nuova perturbazione (già nella giornata di giovedì 5 luglio). L’allerta resta in corso. Al momento non si registrano gravi danni a persone.

Anche Torino colpito dal maltempo

Un violento temporale si è abbattuto la scorsa notte su Torino. Fortissime raffiche di vento e tempesta di fulmini. Centinaia le chiamate alla centrale dei vigili del fuoco di corso Regina Margherita per segnalare garage, cantine e piani terra allagati.

E’ il quartiere Nizza Millefonti a risultare tra le zone più colpite. Il sottopasso dell’ospedale Molinette si è allagato e due automobilisti hanno dovuto abbandonare le macchine e proseguire a piedi. È la terza notte consecutiva di forti temporali sul Piemonte. Quello di lunedì 2 luglio ha causato l’allagamento di un sottopasso, tra Rivarolo e Feletto nel Torinese, in cui un automobilista è morto annegato.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.