Maltrattamento anziani, persone umiliate e picchiate in ospizio a Trapani
Cronaca

Maltrattamento anziani, persone umiliate e picchiate in ospizio a Trapani

maltrattamento

Gravissimo caso di maltrattamento anziani in zona Trapani. I carabinieri hanno scoperto un ospizio dove i clienti venivano picchiati e umiliati.

Maltrattamento anziani, i carabinieri hanno scovato una casa di riposo degli orrori. L’ospizio, che godeva anche di una certa notorietà, è situato a Castellamare del Golfo. Dall’inchiesta, è venuto fuori che le povere vittime, che inoltre pagavano una retta alquanto importante per il ricovero nel centro, venivano insultati, maltrattati e picchiati. A incastrare i colpevoli le immagini registrate con telecamere nascoste. Quattro persone sono finite in manette.

Maltrattamento anziani Trapani

Il paragone con un lager nazista è purtroppo calzante. Le persone anziane venivano obbligate a subire gravissime violenze. Constatato ciò, i Carabinieri hanno sequestrato la casa di riposo ed arrestato quattro persone. Questo è il risultato di un’operazione dei militari a Castellammare del Golfo. L’incubo, per quelle povere persone, che hanno subito violenze, angherie e soprusi, è ufficialmente finito. Le indagini, gestite dalla Procura di Trapani, sono state eseguite anche grazie all’ausilio di telecamere ben nascoste, che hanno registrato 24 ore su 24 ciò che accadeva in quel luogo da inferno.

I Carabinieri sono quindi venuti ad avere prove inconfutabili che inchiodano i colpevoli. Le immagini sono testimonianza di un quotidiano maltrattamento anziani. Le violenze comprendevano lunghe serie di schiaffi, insulti e maltrattamenti di vario tipo. La giornata andava avanti così. La casa di riposo in questione, è celebre nella zona, e poter ‘godere’ dei suoi servizi costava un’importante retta.

A finire in manette per mano dei Carabinieri di Alcamo, sono stati il gestore della casa di riposo e tre dipendenti. Questi, con le immagini che li inchiodano, dovranno rispondere di sequestro di persona aggravato in concorso, violenza privata pluriaggravata continuata in concorso e maltrattamenti aggravati contro familiari e conviventi in concorso.

maltrattamento

Le violenze inflitte

Dalle indagini è saltato fuori che qualche persona ha provato a reagire. Ma se qualche ospite accennava una ribellione, oppure confidava di voler denunciare ai propri care le violenze inflitte ad opera dei suoi aguzzini, questi rincaravano la dose giornaliera di violenze e maltrattamenti proprio per non perdere il prezioso assegno mensile. Gli arrestati concentravano il loro impeto di maltrattamento anziani principalmente su tre vittime ospiti. Tuttavia, a ricevere con maggiore costanza le violenze degli operatori, con atteggiamenti di quotidiana e inspiegabile violenza, era in particolare un’anziana di 90 anni di età. Come se questo non bastasse, la povera donna è già in precarie condizioni di salute. La signora veniva costantemente legata al letto attraverso le maniche del proprio pigiama, in modo tale da impedirle ogni movimento. Nemmeno durante la notte la vittima poteva riposare degnamente. Infatti la poveretta, verso sera, oltre a rimanere legata, veniva coperta completamente con un pesante piumone e scoperta soltanto al mattino successivo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche