×

Mamma pubblica selfie con il figlioletto, strangolata poco dopo

Condividi su Facebook

A poche settimane dalla nascita del suo primo figlio, la mamma Vicky Hull, viene trovata strangolata a morte nel suo appartamento di Liverpool.

Siamo ad aprile dell’anno in corso, e poche settimane dopo la nascita del suo primo figlio, la mamma Vikki Hull viene trovata morta nel suo appartamento. Evidenti sono i segni di uno strangolamento. Il tutto accade poco tempo dopo aver postato una foto su Facebook con il piccolo appena nato. La donna è stata ritrovata in seguito a delle indagini, scattate poichè da tempo non rispondeva alle telefonate. Ad ucciderla è stato proprio il padre di suo figlio, Mark Mahoney. L’aggressione è avvenuta in seguito ad una lite.

I fatti: mamma strangolata

Ci troviamo a Liverpool, famosa città dell’Inghilterra. E’ qui che vivono la neomamma Vikky Hull ed il suo compagno, Mark Mahoney. Solo poche settimane dopo la nascita del loro primo figlio, i due si ritrovano ad avere una discussione. La situazione si fa sempre più seria e la lite inizia a prendere dei toni poco piacevoli.

Il tutto si svolge nell’appartamento della coppia. Stando a quanto riportano le fonti, la lite sarebbe scattata a causa di alcuni problemi con la famiglia di Mark. Sembra infatti che mamma Vikki sia poco propensa a far trascorrere al piccolo del tempo con la famiglia del suo uomo. Ovviamente, Mark Mahoney disapprova completamente e la lite diventa furiosa. A questo punto, l’uomo, colto da un raptus improvviso, aggredisce Vikki Hull. La donna viene strangolata e muore pochi secondi dopo. Il tutto avviene sotto gli occhi innocenti del piccolo.

Le indagini su Mahoney

A far scattare le indagini poco tempo dopo, sono i sospetti di amici e familiari della mamma ventinovenne. Sembra infatti che, da troppo tempo, Vikki Hull abbia smesso di rispondere alle insistenti telefonate dei suoi cari. Il tutto basta a fare insospettire la polizia che fa irruzione nell’appartamento. Li aspetta un’agghiacciante scoperta: Vikki giace sul pavimento, morta. Mark Mahoney, il suo carnefice, intanto, vaga senza alcuna meta per la città. Poche ore dopo viene fermato dalle forze dell’ordine. Deciderà di confessare solo pochi mesi più tardi. Spiegherà come e perchè è nata la lite, affermando di aver ucciso la sua compagna in preda ad un raptus. Al momento, Mark si trova in carcere ed è stato condannato a scontare una pena di quindici anni.

Una coppia felice

La coppia era descritta da tutti come serena e felice, e ovviamente nessuno avrebbe mai immaginato che una cosa del genere potesse accadere proprio ai due coniugi Mahoney.

Vikki era solita postare foto sul suo profilo Facebook, che la ritraevano in momenti sereni e spensierati in compagnia del suo uomo. La gioia si è fatta più grande con l’arrivo del piccolo. Il tutto però non ha di certo avuto un lieto fine e la gioia si è tramutata in terrore, dolore e sconforto. Mark Mahoney ha infatti ucciso la sua mamma proprio sotto lo sguardo innocente del bambino che poco tempo fa aveva portato grande gioia alla coppia. Il piccolo, attualmente, è stato affidato ai nonni.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.