×

Manovra, atteso Consiglio dei ministri nella giornata di martedì 19

Dopo il via libera al decreto fiscale, nella giornata di martedì 19 si attende un nuovo Consiglio dei Ministri sul documento di bilancio e sulla manora.

governo

In considerazione di quanto riferito da fonti governative, il Consiglio dei ministri incentrato sul documento programmatico di bilancio e la manovra verrà organizzato già all’inizio della prossima settimana.

Manovra, atteso Consiglio dei ministri nella giornata di martedì 19

È attesa per la giornata di martedì 19 ottobre l’analisi del documento programmatico di bilancio e la manovra in Consiglio dei Ministri, secondo quanto rivelato all’Ansa da fonti governative.

Il Cdm organizzato nel pomeriggio di venerdì 15 ottobre, intanto, ha dato il via libera al decreto fiscale.

Nel corso della riunione, esaminando il decreto fiscale approvato, uno dei temi maggiormente dibattuti ha riguardato il futuro del reddito di cittadinanza.

In relazione al reddito di cittadinanza, infatti, durante il Cdm, la misura è stata difesa dagli esponenti del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle mentre gli esponenti della Lega, di Forza Italia e di Italia Viva hanno espresso dubbi e perplessità sulla reale funzionalità dell’iniziativa.

I ministri del centrodestra e di Italia Viva, quindi, hanno chiesto di riesaminare il reddito di cittadinanza, comunque passato in Cdm, in legge di bilancio.

In questo contesto, tuttavia, il premier Draghi ha sottolineato che la misura verrà ridiscussa nel momento in cui si esamineranno la manovra e le politiche attive.

Consiglio dei ministri: il decreto fiscale e il reddito di cittadinanza

Per quanto riguarda il decreto fiscale, al termine del Cdm, fonti della Lega hanno riferito che il Governo ha “rifinanziato il Reddito di cittadinanza levando risorse al reddito di emergenza (90 milioni), all’accesso anticipato al pensionamentoper lavori faticosi e pesanti (30 milioni), accesso al pensionamento dei lavoratori precoci (40 milioni) e ai congediparentali (30 milioni)”.

In particolare, il rifinanziamento è stato chiesto dal Partito Democratico e dal Movimento 5 Stelle.

Il rifinanziamento, inoltre, è stato commentato dal ministro leghista dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, che ha dichiarato: “Beffardo usare i soldi di chi ha lavorato duramente per una misura simile”.

Alla fine del Cdm, invece, il Governo ha diramato un comunicato con il quale ha annunciato l’accordo sul decreto fiscale, nel quale viene riferito: “A fronte dell’andamento delle richieste, sono stati stanziati, per il 2021, 200 milioni di euro per il Reddito di Cittadinanza”.

Consiglio dei Ministri, le misure del decreto fiscale: ecobonus

Tra le altre misure che riguardano il decreto fiscale, c’è anche il rifinanziamento con 100 milioni di euro del fondo ecobonus per il 2021, che agevola i cittadini nell’acquisto di veicoli a basse emissioni di anidride carbonica.

I fondi a disposizione, quindi, prevedono un incremento di 65 milioni di euro che tentano di incentivare la popolazione ad acquistare veicoli M1 che rilascino emissioni comprese nella fascia 0-60 g/km Co2. Altri 20 milioni di euro sono stati stanziati per l’acquisto di veicoli commerciali che afferiscano alla categoria N1 o M1 speciali. Di questi 20 milioni, 15 milioni sono riservati all’acquisto di veicoli full-electric.

Contents.media
Ultima ora