> > Manovra, soppressa la norma sul Pos, le multe non vanno via

Manovra, soppressa la norma sul Pos, le multe non vanno via

La premier Giorgia Meloni

Approvato in commissione Bilancio alla Camera l'emendamento alla manovra: è stata soppressa la norma sul Pos e le multe previste non vanno via

Colpo di scena nella notte ma in un certo senso colpo di scena annunciato ormai da giorni, per la manovra economica dell’esecutivo a guida Giorgia Meloni è stata soppressa la norma sul Pos e le multe per chi rifiutasse i pagamenti elettronico non vanno via.

Il dato empirico è quello per cui il governo abbandona definitivamente l’agevolazione per commercianti ed esercenti.

Manovra, soppressa la norma sul Pos

A darne menzione è stato un lancio dell’Ansa che oggi, 21 dicembre e dopo la seduta fiume della notte, spiega che “tornano le multe per i commercianti che rifiutano di accettare pagamenti con carte e bancomat”. Ma cosa è successo da un punto di vista tecnico-politico? Che è stato infatti approvato in commissione Bilancio alla Camera l’emendamento alla manovra che sopprime la modifica introdotta nella stessa legge di bilancio.

Addio tetto di 60 euro sotto cui dire no

Con la stessa, ventilata e pubblicizzata per molti giorni dall’esecutivo in carica, si introduceva un tetto di 60 euro entro il quale i commercianti avrebbero potuto rifiutare transazioni col pos senza incorrere in sanzioni. Giorgia Meloni aveva già dato segnali di “abbandono” dopo l’alt dell’Ue ad una legge che per Bruxelles “incentivava”, ove approvata, l’evasione fiscale e adesso la risposta di assenso del governo è stata ufficializzata con quanto accaduto stanotte.