Marchionne: "vendere i pezzi migliori? Vedremo". E attacca la politica - Notizie.it
Marchionne: "vendere i pezzi migliori? Vedremo". E attacca la politica
Economia

Marchionne: "vendere i pezzi migliori? Vedremo". E attacca la politica

L'AD di Fiat attacca la classe politica italiana e risponde a critiche e insinuazioni. Vendere l'Alfa Romeo? "No". Anzi, "dipende". La Ferrari? "Forse" un pezzo. Fusione con Chrysler? "Mai detto. Magari l'anno prossimo".

L’AD di Fiat attacca la classe politica italiana e risponde a critiche e insinuazioni. Lo fa a modo suo, stimolando scenari. Vendere l’Alfa Romeo? “No”. Anzi, “dipende”. La Ferrari? “Forse” un pezzo. Fusione con Chrysler? “Mai detto. Magari l’anno prossimo”. I dati delle vendite sono impietosi? “Lo avevo detto. Ora ci aspettano 9 mesi di inferno”

Lo scenario è quello californiano di Los Angeles, dove la Fiat lancia in questi giorni la sua 500. Per Marchionne si tratta di tranquilizzare i mercati dopo i pessimi risultati pubblicati ieri: “L’Alfa non è in vendita”, salvo poi sparare un prezzo decisamente eccessivo, 20 miliardi. Ma il titolo Fiat, dopo un’apertura a +1% ha poi tenuto un’andamento altalenante, tendente al negativo (almeno fino alle 15:00). “E’ inutile che ci preoccupiamo se la Fiat vende”. L’azienda è infatti in grado di monetizzare in fretta vendendo alcuni comparti i cui compratori restano ignoti.

Una garanzia non da poco, che lascerebbe libertà di manovra qualora si aprissero spiragli di nuovi investimenti e che comunque permette a Marchionne di spostare l’attenzione sullo sfascio della classe politica italiana: “non è un bel modo di gestire il paese. La mancanza di chiarezza è quello che innervosisce il mondo intero. Le persone serie queste cose non le fanno e l’instabilità non aiuta”.

Daniele De Chiara

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche