×

Mascherine, l’infettivologo Bassetti: “Via dopo 20 giorni dalla prima dose di vaccino”

L'infettivologo Matteo Bassetti ha definito di buonsenso la decisione Usa di eliminare l'obbligo delle mascherine per coloro che sono già vaccinati.

mascherine bassetti

A poche ore dalla decisione statunitense di abolire l’obbligo di indossare le mascherine per i vaccinati, in Italia l’infettivologo Matteo Bassetti insiste affinché una soluzione di questo tipo possa venire adottata anche nel nostro Paese. Il direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova ha infatti affermato ai microfoni di Adnkronos Salute che: “Anche in Italia già da subito bisognerebbe dire che i vaccinati possono evitare di mettere la mascherina.

Mascherine, Bassetti contro l’obbligo per chi è vaccinato

L’infettivologo ha in seguito proseguito nel suo discorso affermando: “Poi c’è il passaggio successivo che è quello di levare l’obbligo di mascherina quando avremo raggiunto 30 milioni di vaccinati, che avverrà tra 2 settimane, per tutti almeno all’aperto”.

Secondo Bassetti infatti le linee guida del Centers for Disease and Prevention: “Non sono una novità. Il Cdc si era già espresso più di un mese fa sul fatto che tra vaccinati la mascherina potesse essere tolta e che per i vaccinati si potesse non fare la quarantena né i tamponi di controllo nel caso si venisse a contatto con un contagiato.

Mi pare sia una decisione di assoluto buonsenso e mi auguro che presto un po’ di buonsenso possa essere ripristinato anche nel nostro Paese”.

Mascherine, Bassetti : “Da vaccinato la carica virale è inferiore”

Bassetti è poi intervenuto sulla trasmissibilità del coronavirus dalle persone vaccinate a quelle non vaccinate, spiegando come nei primi la carica virale sia significativamente inferiore: “I dati scientifici ci dicono che, anche se tu da vaccinato dovessi fare l’infezione, la tua carica virale è del 90% inferiore rispetto a quella che ha un soggetto non vaccinato.

Quindi la capacità di trasmettere il virus è veramente infinitesimale. Non possiamo dire che è zero, ma è molto vicina allo zero”.

Mascherine, Bassetti: le ipotesi per la terza dose di vaccino

Per quanto riguarda la futura terza dose di vaccino che verrà somministrata alla popolazione, Bassetti ammette di essersi dovuto ricredere rispetto a quando sconsigliava l’utilizzo di vaccini diversi per lo stesso paziente: “Io ero uno molto cauto su questo. infatti avevo detto “non mischierei i vaccini”, invece hanno mischiato e direi che hanno dimostrato che si possono mischiare. Mi pare un bel messaggio non tanto per oggi quando alla fine le persone prendono il medesimo vaccino perché è inserito in un percorso, quanto per il futuro, cioè fondamentalmente per la terza dose che faremo a novembre-dicembre-gennaio”.

Contents.media
Ultima ora