×

Massimo Lopez inseguito da un cinghiale mentre butta la spazzatura, lo sfogo: “È uno schifo”

"Non possiamo di certo prendercela con gli animali, ma dovremmo farlo con le "bestie" che non risolvono un problema grave", ha detto l'attore.

Massimo Lopez cinghiale

Nonostante la fama mondiale, dovuta alla sua storia millenaria e alla sua bellezza unica, suggestiva e maestosa, la cattiva gestione della città da parte dell’amministrazione da troppo tempo ormai sta causando la decadenza della Capitale, che è stata classificata come la più sporca al mondo.

Lo denuncia anche l’attore napoletano Massimo Lopez, che a Roma è stato inseguito da un cinghiale e ha affidato il suo sfogo ai social.

Massimo Lopez inseguito da un cinghiale a Roma

Dopo Claudia Gerini, che in un parco di Roma ha denunciato la presenza di diversi cinghiali, il suo collega Massimo Lopez racconta un’altra disavventura vissuta in prima persona.

Era uscito di casa per buttare la spazzatura, quando ha visto un cinghiale puntarlo e inseguirlo.

Fortunatamente, l’attore è riuscito a fuggire, evitando di essere aggredito dall’animale.

Massimo Lopez inseguito da un cinghiale, le sue parole

Sono stato inseguito da un cinghiale sotto casa. Sono andato a buttare la spazzatura nel cassonetto e ho visto un cinghiale puntarmi. Dopodiché si è messo a correre verso di me. A quel punto, ho messo il sacchetto di rifiuti nel cassonetto, ma non ci stava perché strabordava di rifiuti, che non vengono raccolti da settimane.

C’è cattivo odore e naturalmente i cinghiali ne sono attratti”, ha raccontato l’attore Massimo Lopez.

Quindi ha aggiunto: “C’è chi dice “poverini i cinghiali, non vanno uccisi”. Effettivamente non sono i cinghiali a essere ammazzati, forse ci sarebbe qualcun altro, ma lasciamo perdere. Io sono stato quasi aggredito, ma in questi giorni alcune signore sono state davvero attaccate dai cinghiali mentre uscivano dal supermercato con il sacchetto della spesa.

Oppure bambini con il panino in mano attaccati dai gabbiani che sono diventati come avvoltoi. Non possiamo di certo prendercela con gli animali, ma dovremmo farlo con le “bestie” che non risolvono un problema grave. Bisognerebbe chiudere i parchi e controllare i cinghiali che proliferano in continuazione. Forse andrebbero sterilizzati, perché sono in eccesso e c’è il rischio che invaderanno la città. I gabbiani, inoltre, portano malattie. Arrivano i topi, l’immondizia non viene raccolta.

A cosa serve allora la raccolta differenziata?”.

Massimo Lopez inseguito da un cinghiale: “Le tasse si pagano, ma i rifiuti non vengono raccolti”

Massimo Lopez ha anche sottolineato che davanti a certe notizie e di fronte a una situazione simile “sei davvero scoraggiato. La tassa dei rifiuti si paga sempre“, sebbene i rifiuti si continuino ad accumulare senza che gli addetti passino a svuotare i cassonetti della spazzatura. “Non so se la città resterà per sempre in balia degli eventi, ma dopo il pipistrello in Cina qui potrà accadere di tutto”, ha aggiunto.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Massimo_Lopez (@massimolopezreal)

Con tono ironico ma stizzito al contempo, ha dichiarato: “A Roma dopo topi, cinghiali e gabbiani enormi, arriveranno i lupi e i dinosauri. È uno schifo.

Contents.media
Ultima ora