Mati, il villaggio greco distrutto dagli incendi
Mati, il villaggio greco distrutto dagli incendi
Esteri

Mati, il villaggio greco distrutto dagli incendi

mati

Il destino di Mati è stato segnato da incendi dolosi. Molte sono le vittime e i feriti. Ora si cerca il colpevole.

Mati è, o meglio, era una località di villeggiatura molto amata dai greci e non solo. Le sue ceneri si trovano sulla costa orientale della regione Attica a 29 chilometri ad est di Atene. Il 23 luglio 2018 è iniziato un calvario che ha piegato nuovamente la Grecia in ginocchio. La regione dell’Attica ha infatti preso letteralmente fuoco. Oltre alla perdita dell’amato villaggio Mati, molti altri sono stati i danni provocati da svariati incendi dolosi.

Mati, un villaggio in cenere

Una delle destinazioni turistiche preferite dai greci sembra essere scomparsa per sempre. La speranza che si possa ricostruire il villaggio è molto vivida ma di rara realizzazione. Le condizioni di Mati sono tragiche a causa di svariati incendi dolosi che sono stati appiccati nella giornata del 23 luglio. Il portavoce del governo greco ha reso pubblico il fatto che ben quindici incendi sono stati volutamente appiccati in tre diverse zone vicino ad Atene. Il dolore più grande forse è dovuto dal fatto che un gesto simile sia stato opera umana invece che della natura.

Se fosse stato il contrario forse sarebbe stato più facile accettarlo. Secondo alcuni testimoni Mati è irriconoscibile. Molti i cadaveri per le strade e molte le auto bruciate.

mati

A Mati sono morte 85 persone e 175 sono i feriti. Anche i villaggi vicini, purtroppo, hanno subito una sorte simile a quella di Mati. Le montagne Penteli, che sono coperte di foreste, si trovano sia ad ovest che a nord-ovest mentre le spiagge coprono la parte orientale della zona. Tutto questo è ora raso al suolo e della natura del luogo rimane solo un ricordo. Mati, oltre ad essere una zona particolarmente apprezzata, era anche un punto strategico grazie alla vicinanza al porto di Rafina. Per questo motivo il villaggio era un punto di accesso per il Mar Egeo e quindi molto frequentato da turisti volenterosi di raggiungere le isole Cicladi.

Le indagini

Secondo gli inquirenti non è casuale il fatto che gli incendi siano partiti proprio dalla zona nord-ovest dell’Attica. Qui infatti si trovano la maggior parte delle località turistiche compresi resort, ristoranti e luoghi di svago. La Corte Suprema ha infatti avviato un’indagine con lo scopo di scovare i colpevoli. Le meschine azioni sono state poi aggravate dall’incapacità di organizzazione e gestione degli incendi. I boschi inoltre non erano adeguatamente puliti. Tutti questi fattori insieme uniti al forte vento e alla siccità hanno provocato un disastro che la Grecia si ricorderà per decenni. 2500 sono le case distrutte e più di 100 sembrano essere le vittime.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Diadora Seduta Massaggiante Diadora
39.95 €
179 € -78 %
Compra ora
Google Pixel 2 XL 64GB Nero - Just Black
461 €
Compra ora