×

Maturità 2022, cambia il sistema dei crediti: il triennio verrà valutato al pari delle prove d’esame

Il Miur ha deciso di modificare il sistema dei crediti previso per la maturità 2022: il triennio, quindi, verrà valutato al pari delle prove d’esame.

crediti

Il punteggio dell’esame di maturità attesa per l’anno scolastico 2021/2022 è stato modificato: mentre nella prima versione della nuova maturità erano stati previsti 40 crediti per il percorso maturato durante il triennio e 60 crediti totali per le prove d’esame, l’ultima versione prevede l’attribuzione di 50 crediti al percorso del triennio e 50 crediti totali per le prove d’esame.

Maturità 2022, cambia il sistema dei crediti: il triennio verrà valutato al pari delle prove d’esame

Il Ministero dell’Istruzione ha confermato l’impianto che prevede lo svolgimento di due prove scritte e di una prova orale per la maturità 2022. È stata, tuttavia, rimodulata l’attribuzione dei crediti da assegnare per il percorso scolastico maturato durante il triennio e per le prove d’esame.

Secondo quanto rivelato da fonti parlamentari, infatti, il Miur aveva previsto la distribuzione di un massimo di 40 crediti per il triennio e di 20 crediti per ciascuna delle tre prove da sostenere.

Nella versione modificata del documento che regolerà l’esame di maturità 2021/2022, tuttavia, i crediti vengono ripartiti diversamente: 50 crediti verranno assegnati per il percorso svolto al triennio e altri 50 crediti verranno distribuiti tra le tre prove (15 crediti per ognuno degli scritti e 20 per il colloquio orale).

Seconda prova d’esame: polemiche e caratteristiche dello scritto

Una delle maggiori novità della maturità 2022 riguarda la reintroduzione della seconda prova scritta, che è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche.

Per quanto riguarda la disciplina sulla quale si baserà la seconda prova dell’esame di maturità, questa verrà stabilita dall’istituto e dovrà essere scelta tra le materie caratterizzanti dell’indirizzo di studi.

Entro il 22 giugno 2022, quindi, i docenti titolari della disciplina del secondo scritto presenti in commissione d’esame dovranno proporre tre tracce, facendo fede ai documenti consegnati dai consigli di classe nel mese di maggio. Nella giornata dedicata alla seconda prova, verrà estratta una delle tre tracce.

Intanto, le ordinanze sugli Esami di Stato del I e II ciclo di istruzione sono state sottoposte all’attenzione dei presidenti della Camera dei Deputati e del Senato, in modo tale da ottenere il parere delle commissioni parlamentari, in considerazione di quanto previsto dalla Legge di bilancio.

Contents.media
Ultima ora