×

Meloni: “Gli sbarchi dei migranti sono triplicati e in Italia pensiamo allo ius soli”

Sbarchi di migranti triplicati in Italia nel 2021 rispetto allo stesso periodo dei quattro anni precedenti. Per la Meloni è inammissibile.

Meloni sbarchi migranti triplicati

I dati forniti dal dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’Interno mostrano come nei primi mesi del 2021 gli sbarchi di immigrati in Italia siano triplicati rispetto allo stesso perido dei quattro anni precenti. Nello specifico si tratta del 199% in più rispetto al 2020, con la Lamorgese al ministero dell’Interno nel governo Conte bis, e del 1491% in più se paragonato a quanto accaduto nel 2019 con la Lega di Salvini nell’esecutivo.

Un dato questo che per la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, rappresenterebbe il fallimento delle politiche messe in atto dal governo Conte bis e da quello di Mario Draghi, con le accuse che riguarderebbero principalemente il Viminale a guida di Luciana Lamorgese.

Meloni: “Gli sbarchi dei migranti sono triplicati”

L’Italia ritorna a essere il grande campo profughi d’Europa – ha detto la Meloni a Leggo – Nei primi 3 mesi del 2021 gli sbarchi sono triplicati rispetto a un anno fa: da gennaio ad oggi sono arrivati sul territorio italiano 8.465 immigrati mentre nei primi 3 mesi del 2020 gli arrivi erano stati 2.828″.

Questo tema per la Meloni non rappresenterebbe un problema per il governo “impegnato a parlare di ius soli, a smontare i decreti sicurezza, a varare una sanatoria degli immigrati irregolari e ad allentare le norme di contrasto alle Ong”.

“È assurdo – prosegue la leader di Fratelli d’Italia – che il ministro dell’Interno Lamorgese schieri nei giorni di Pasqua 70mila agenti per tenere chiusi in casa gli italiani e non faccia nulla per controllare i porti.

È la solita doppia morale della sinistra. Accadeva con il governo Conte. Accade oggi con Draghi”. Un’accusa diretta e senza mezzi termini, con il partito dell’opposizione che si dichiara pronto a portare in Parlamento proposte che prevedano il fermo del traffico di esseri umani e l’immigrazione illegale di massa anche in virtù del recente viaggio in Libia del Presidente del Consiglio Mario Draghi. 

Contents.media
Ultima ora