Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Meningite al Giulio Cesare, situazione sotto controllo grazie alla profilassi
Cronaca

Meningite al Giulio Cesare, situazione sotto controllo grazie alla profilassi


Al Liceo Classico Giulio Cesare di Corso Trieste, la preside Micaela Ricciardi non tarda a rassicurare genitori e studenti, dopo che a un alunno di V Ginnasio è stata diagnosticata un’infezione alle meningi (le membrane che avvolgono il cervello) nella notte tra lunedì e martedì; febbre altissima e una corsa prima all’ospedale Pertini poi al Gemelli, dove è stato ricoverato in terapia intensiva e tenuto in coma farmacologico.

Oltre a mettere la classe del ragazzo in “quarantena”, le misure di prevenzione, controllo e di profilassi sono state adottate anche per gli altri studenti, docenti, e a tutto il personale scolastico che poteva essere venuto in contatto con il giovane. Gli operatori e i medici della Asl Roma A, valutando la situazione, hanno somministrato gli antibiotici per la profilassi della malattia, senza tuttavia ritenere necessario la disinfestazione di tutta la scuola. Il monitoraggio del personale medico proseguirà fino al 3 Febbraio tra le aule dell’istituto, proprio per scongiurare altri casi di meningite che è facilmente contagiosa proprio tra i giovani.

Dal Lazzaro Spallanzani, anche il direttore scientifico dell’ente nazionale per le Malattie Infettive, ribadisce come la neisseria meningitidis in Italia colpisce meno di una persona ogni 100 l’anno e l’allarme che spesso segue ai contagi è dovuto al fatto che proprio i più giovani siano facili prede, affollando luoghi comuni e mantenendo atteggiamenti promiscui, come scambiarsi le sigarette o bere dallo stesso bicchiere.

Contro il meningicocco esiste un vaccino per il tipo A e il tipo C, il cui impiego viene valutato però solo in caso di epidemia. Le misure di prevenzione restano quelle più semplici, come aerare bene gli ambienti, lavarsi spesso le mani e una diagnosi precoce.

Le raccomandazioni sono state le stesse anche per gli studenti del Giulio Cesare e per i loro genitori, che restano ancora preoccupati per il rischio di contagio.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche