×

Messico, centinaia di tartarughe trovate morte in spiaggia: mistero sulle cause della strage

Messico, centinaia di tartarughe morte in spiaggia: mistero sulle cause della strage che dati i precedenti potrebbe essere dipesa dalle reti da pesca

Le carcasse delle povere tartarughe

Ecatombe ambientale in Messico, dove centinaia di tartarughe sono state trovate morte in spiaggia: è mistero fitto sulle cause della strage ma le principali indiziate sembrano essere le reti da pesca. Sta di fatto che almeno 300 esemplari sono stati ritrovati senza vita sulla spiaggia di Morro Ayuta a Oaxaca, sulla costa occidentale del Golfo del Messico. 

Messico, centinaia di tartarughe trovate morte: lo spettacolo agghiacciante in spiaggia

I media fanno sapere che i rettili marini morti appartengono alla specie “olivina”o Olive Ridley, così chiamati per i loro carapaci color oliva a forma di cuore. Attenzione, si tratta di una specie che secondo l’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura è ritenuta vulnerabile e da proteggere

Strage di Olive Ridley in Messico: centinaia di tartarughe trovate morte annegate

Perché? Perché la popolazione mondiale di Olive Ridley è in diminuzione, dato che per nidificare hanno sempre meno spiagge.

Il numero davvero impressionante di carcasse ritrovate sulla spiaggia ha spinto le autorità a predisporre esami specifici per individuare le cause della strage. E i risultati preliminari sarebbero sconcertanti, a contare che si tratta di animali marini, sia pur dotati di polmoni: le tartarughe sarebbero annegate

Reti illegali ed abbandonate nel mare del Messico e centinaia di tartarughe trovate morte

Dal ministero messicano competente fanno sapere che probabilmente gli animali sono rimasti impigliati nelle reti da pesca illegali utilizzate in alto mare o nelle cosiddette reti fantasma, quelle abbandonate.

Poi sono morti e le correnti hanno spinto la tartarughe a riva. Morro Ayuta è uno degli spot di nidificazione e la zona di  Oaxaca non è nuova a mattanze: nel 2018 i pescatori ne trovarono impigliate nelle reti altre centinaia. 

Contents.media
Ultima ora