Messina, rapinavano anziani con la tecnica dell'ipnosi
Messina, rapinavano anziani con la tecnica dell’ipnosi
Cronaca

Messina, rapinavano anziani con la tecnica dell’ipnosi

Messina
Messina

6 arresti per una truffa nel messinese. Gli anziani venivano manipolati con l'ipnosi e successivamente derubati

Gli anziani sono sempre più in pericolo a causa dei numerosi malfattori che si aggirano per le strade. Le hanno provate davvero tutte per abbindolare i soggetti più deboli, ingannandoli e truffandoli. Rapinatori che si spacciano per dipendenti Enel o postini, truffatori capaci di camuffare la propria voce e fingersi figli della vittima a lungo pedinata. Questa volta, a Messina, una banda di delinquenti si è servita della tecnica ipnotica per addormentare e rapinare i più anziani.

Furto con ipnosi

Una finta compravendita di gioielli era il pretesto per mettersi in contatto con le persone. Così, avvicinavano le vittime con una scusa e poi, con tecniche di manipolazione ipnotica, le inducevano in stato confusionale. In questo modo venivano facilmente persuase ad andare in banca o a casa. Prelevavano ingenti somme di denaro e inconsciamente, in quella sorta di limbo ipnotico, le donavano ai loro aguzzini. Colpiti dalla truffa sono stati soprattutto i più anziani. Una strategia attenta e astuta ha spinto i carabinieri di Messina ad arrestare sei persone ritenute responsabili di rapina aggravata in concorso mediante l’ipnosi.

Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, su richiesta della Procura.

Messina

L’operazione denominata “Hyponose” ha sgominato una banda di rapinatori con base a Palermo. Le vittime quando entravano in contatto con i rapinatori percepivano un intenso profumo. Unito ad altre tecniche di manipolazione ipnotica, li induceva in stato confusionale. Così venivano persuase a recarsi presso la propria abitazione o nei propri istituti di credito al fine di procurarsi il denaro da consegnare ai malfattori.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche