×

Michele Merlo, il padre: “Voglio sapere se questo dolore si poteva evitare”

Il padre e la madre di Michele Merlo presenteranno un esposto alla magistratura affinché venga fatta chiarezza sulla morte del figlio.

Michele Merlo padre

Sconvolto per la morte improvvisa del suo unico figlio, il padre di Michele Merlo ha ricostruito i contorni della vicenda che hanno portato al ricovero del giovane auspicando che venga fatta chiarezza e si capisca se questo dolore poteva essere evitato.

Michele Merlo: parla il padre

Intervistato dal Corsera, Domenico Merlo ha spiegato che ci sono molte ombre in ciò che è accaduto al figlio, deceduto per un’emorragia cerebrale scatenata da una leucemia fulminante. L’uomo ha raccontato che il giovane si era presentato da solo in ospedale con mal di testa persistente e sangue che gli usciva dal naso. Gli operatori gli hanno risposto che non poteva intasare il Pronto Soccorso e l’hanno mandato via prescrivendogli un antibiotico.

Michele, ha continuato, si sentiva male da giorni ma i suoi sintomi sono stati interpretati come una banale forma virale. Il cantante è dunque tornato nella cada dove viveva insieme alla sua fidanzata Luna Shirin Rasia a cui avrebbe anche mandato un messaggio audio spiegandole di essere stato rimbalzato perché stava “intasando il pronto soccorso per due placche alla gola“. Emblematico anche l’ultimo post pubblicato sul suo profilo Instagram prima del tragico epilogo: “Vorrei un tramonto ma mi esplode la gola e la testa da male.

Rimedi?“.

Michele Merlo, il padre: “Vogliamo chiarezza”

Il giorno successivo però, recatosi in un’altra struttura ospedaliera, i medici gli hanno diagnosticato una leucemia improvvisa e lo hanno sottoposto ad un intervento chirurgico. Le sue condizioni sono però peggiorate nel corso delle ore fino a condurlo al decesso. Ciò che chiedono i genitori di Mike Bird, così era conosciuto l’artista, è che venga fatta chiarezza: “Michele era il nostro unico figlio, io e mia moglie abbiamo bisogno di sapere se tutto questo dolore si poteva evitare“.

A tal proposito i vertici dell’Ausl hanno annunciato l’apertura di un’indagine interna per capire come siano avvenute le dimissioni del ragazzo dal Pronto Soccorso dell’ospedale di Vergato nel bolognese.

Michele Merlo, il padre: “Era davvero felice”

Domenico ha infine espresso il rammarico che la morte del figlio sia avvenuta in un momento per lui di massima felicità: “Aveva un disco pronto, con un singolo appena registrato. Ha trascorso qualche giorno a Bassano con Luna, la sua fidanzata, poi erano tornati insieme sulle colline bolognesi“.

Michele Merlo, il padre e la madre presentano un esposto alla magistratura

Intanto, tramite una nota diffusa dai propri consulenti, la famiglia di Michele ha fatto sapere di voler presentare un esposto alla magistratura per chiedere lo svolgimento delle necessarie indagini al fine di verificare se vi siano stati errori e/o omissioni antecedenti al ricovero all’ospedale Maggiore che abbiano determinato irreversibilmente la sorte del proprio figlio. Il padre e la madre della vittima depositeranno la denuncia dai consulenti e legali. Un atto formale, si legge nella nota, “necessario per chiedere l’avvio delle procedure di sequestro della salma e delle cartelle cliniche“.

Domenico e Katia hanno infine ringraziato tutto il personale medico, paramedico e i dirigenti del reparto rianimazione della struttura ospedaliera bolognese per la professionalità e umanità dimostrata nelle terribili ore che hanno preceduto la morte del figlio.

Contents.media
Ultima ora