×

Michele Merlo, parla il medico: “Mi aveva mostrato un ematoma, non potevo capire fosse così grave”

Il medico curante di Michele Merlo ha rotto il silenzio svelando come si sarebbe svolta la sua ultima visita al cantante prima della sua scomparsa.

Michele Merlo

Mentre la procura continua a indagare contro ignoti per le possibili negligenze che avrebbe condotto Michele Merlo a una prematura scomparsa, il medico curante del cantante ha rotto il silenzio in merito al suo ultimo incontro con il suo paziente.

Michele Merlo: il medico

Michele Merlo è scomparso a 28 anni per una leucemia fulminante che, purtroppo, nella stragrande maggioranza dei casi si rivela fatale anche con la dovuta terapia. Nonostante questo i genitori del cantante hanno chiesto alla procura di aprire un’inchiesta per omicidio contro ignoti, per appurare se non siano state compiute negligenze o dimenticanze da parte dei medici e dal personale ospedaliero a cui lo stesso Merlo si rivolse poche ore prima di morire.

Il cantante infatti presentava delle evidenti ecchimosi e lamentava una brutta emicrania e placche alla gola. Il suo medico curante, Vitaliano Pantaleo, che lo ha visitato circa 7 giorni prima che il cantante morisse, ha confessato: “Una settimana prima della tragedia, era venuto da me mostrandomi un grosso ematoma che aveva ad una gamba e dicendomi di esserselo procurato durante un trasloco. Ovviamente mi sono fidato, pensando ad una forte botta o ad uno strappo.

Mi ha spiegato che lo stava curando con una pomata eparinoide e con degli antinfiammatori come ibuprofene. Gli ho indicato di sospendere quel tipo di terapia sostituendola con un’altra e con dei bendaggi, suggerendogli di tornare da me nei giorni successivi se non ci fossero stati dei miglioramenti. Quando l’ho visitato io, Michele aveva solo quel livido e non mi ha fai fatto cenno ad un possibile mal di testa o sanguinamento.

Se avessi solo minimamente sospettato una cosa così grave, non avrei atteso un attimo.Purtroppo è stata l’ultima volta che l’ho visto”.

Michele Merlo: le responsabilità

I familiari del giovane cantante non riescono a darsi pace per la sua prematura e tragica scomparsa. I periti della procura intanto continuano le loro indagini per comprendere se i medici di Rosà e di Cittadella – a cui il cantante si era rivolto – possano aver avuto un ruolo nella vicenda (non riconoscendo la gravità delle condizioni in cui si trovava il cantante).

Michele Merlo: la morte

Michele Merlo si è spento il 6 giugno dopo giorni di agonia in ospedale. Al momento della scomparsa era con lui la sua fidanzata, Luna Shirin Rasia, che è stata la prima a chiamare i soccorsi.

Contents.media
Ultima ora