×

Migranti, completato il muro al confine tra Polonia e Bielorussia

Migranti: la Polonia ha completato il muro al confine con la Bielorussia, a celebrare la fine dei lavori il primo ministro Morawiecki.

migranti

La Polonia ha completato il muro anti migranti sul confine con la Bielorussia. Al momento Varsavia sembra intenzionata ad accogliere esclusivamente i rifugiati ucraini, fermando invece coloro che provano ad arrivare dall’altro stato vicino governato da Alexander Lukashenko. Il muro in questione è lungo 186 chilometri.

Presenti sul posto il primo ministro Mateusz Morawiecki e gli alti funzionari della sicurezza che hanno celebrato il completamento dell’opera costata 353 milioni di euro. La struttura, composta di acciaio, ha un’altezza di 5,5 metri. 

Muro anti migranti: Lukashenko colpevole per la guerra in Ucraina?

Nel corso di una conferenza stampa, Mateusz Morawiecki ha dichiarato: “Il primo segnale della guerra in Ucraina è stato l’attacco del presidente bielorusso Lukashenko al confine polacco”.

Secondo i vertici polacchi la Bielorussia avrebbe utilizzato i migranti come mezzo per creare tensioni a partire dal 2021. All’epoca, infatti, numerose persone provenienti per la maggior parte dal Kurdistan iracheno avevano cercato di trovare rifugio in paesi come Lettonia, Lituania e la stessa Polonia tramite la Bielorussia, da sempre alleata di Vladimir Putin e di Mosca. 

Polonia: due pesi e due misure?

Nell’ultimo anno sarebbero venti le persone decedute tra Polonia e Bielorussia a causa del freddo e del gelo.

La scelta di Varsavia di accogliere esclusivamente i rifugiati ucraini e bloccando l’accesso a molti rifugiati asiatici attraverso la Bielorussia ha generato le polemiche di diversi gruppi per i diritti umani. 

Contents.media
Ultima ora