×

Migranti, con la ministra Lamorgese sono raddoppiati gli sbarchi

I dati rispetto allo scorso anno vedono un aumento significativo di sbarchi dei migranti sulle nostre coste

Lamorgese

L’emergenza migranti sembra non voler terminare, anzi, il bilancio di quest’anno è abbastanza negativo. Con gli hotspot quasi al collasso da mesi, continuano le richieste d’aiuto da parte delle navi, battenti spesso bandiera straniera, ai porti italiani. Tutto questo ha portato la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese sotto i riflettori.

Tra le accuse rivolte alla ministra, quella di non essere in grado di gestire i flussi migratori.

Migranti, nel 2021 sono aumentati gli sbarchi

Il confronto rispetto allo scorso anno vede un numero molto più alto di nuovi sbarchi nel 2021, che è ancora in fase di aggiornamento. Attualmente, da inizio anno si contano oltre 60mila sbarchi. Nel 2020 se ne sono contati poco più di 40mila. Cifre significative dunque. Eppure, sembra che dal Viminale non arrivi una risposta concreta come fanno sapere molti componenti dell’opposizione, che hanno più volte chiesto le dimissioni della ministra Lamorgese.

La crisi dei migranti è fuori controllo

Chiedere aiuto all’Italia è la cosa più ovvia se si proviene dal Nord Africa, in quanto si tratta dei porti più vicini. Ma sembra che la questione, diventata quasi ingestibile, stia passando inosservata anche agli occhi dell’Unione europea, che dovrebbe garantire un’equa distribuzione dei migranti su tutto il vecchio continente.

Attesi migliaia di migranti nei prossimi giorni

La situazione attuale vede due navi Ong, Sea Watch 3 e Geo Barents, che dal 24 al 26 dicembre hanno fatto imbarcare circa mille persone persone.

L’autorizzazione per lo sbarco in Italia non è ancora arrivata e quindi le due navi sono rimaste ferme, al largo, in attesa di sbarcare. Eccezione è stata fatta per una donna incinta di 9 mesi che è riuscita a raggiungere le coste senza problemi. I porti più ambiti sono Pozzallo e Lampedusa, ma le due navi hanno iniziato a navigare anche verso Siracusa Catania

Contents.media
Ultima ora