> > Migranti in Italia, in arrivo ex detenuti dalla Tunisia: 'Ci fanno passare'

Migranti in Italia, in arrivo ex detenuti dalla Tunisia: 'Ci fanno passare'

migranti in italia

La situazione è ormai insostenibile per la penisola italiana, gli sbarchi sono fuori ogni controllo e sembra non finiscano mai. È necessario prendere dei seri provvedimenti per garantire la sicurezza e l'incolumità collettiva.

Non suscita quasi più alcun scalpore l’argomento degli sbarchi di migliaia di migranti in Italia, ma la situazione oggi sembra essere più critica che mai.

Gli scafisti riescono ad evitare i controlli e gli arrivi simultanei permettono ad alcuni barconi di non essere visti dalle motovedette della Guardia Costiera. Tutto il litorale della provincia di Agrigento e zone limitrofe è preso d’assalto dagli sbarchi fantasma, molti sono documentati da riprese video di alcune associazioni locali.

Migranti in italia dalla Tunisia

La Tunisia è diventata il centro di partenza di migranti più prolifico degli ultimi anni, infatti è proprio da lì che partono i barconi che stanno invadendo le spiagge italiane nell’ultimo periodo.

Il motivo sembra essere abbastanza chiaro, tra luglio e ottobre è stato concesso l’indulto a circa 3000 detenuti di tre diversi penitenziari tunisini e alcuni di loro si imbarcano in cerca di una nuova vita.
Questa situazione desta molte preoccupazioni per il semplice fatto che tra questi vi possa essere anche qualche appartenente a cellule jihadiste. Anzi, sembra che attualmente il viaggio verso l’Italia per gli immigrati costi anche meno rispetto agli altri anni, addirittura la metà.

Purtroppo, a causa di questi sbarchi “fantasma”, molti migranti riescono a non farsi identificare e a far perdere le loro tracce una volta sbarcati nelle coste italiane.

Migranti in Italia: i dati

Nonostante la delicatezza dell’argomento e la quotidianità di questi eventi, sembra che ultimamente se ne parli sempre meno rispetto al passato. Ma, dati alla mano, gli sbarchi in questo periodo sono aumentati vertiginosamente rispetto al passato, anche semplicemente rispetto allo scorso anno.

Infatti, proprio nel 2016 il numero dei migranti in italia nel mese di ottobre era di circa 600, rispetto ai 3000 che contiamo oggi e sembra che il fenomeno sia tutt’altro che in calo.
Sicuramente c’è molta preoccupazione per i cittadini italiani visto che spesso non si possono mettere in atto i controlli di rito.
C’è il sospetto che sia tutta un’azione politica messa in atto dalla Tunisia che chiederà dei soldi all’Italia per chiudere definitivamente il traffico.

Migranti in Italia: la situazione in Tunisia è critica

Sono diversi i motivi che spingono queste persone a partire e ad abbandonare la loro terra natia: c’è chi va alla ricerca di fortuna, chi si vuole riunire ai propri familiari e chi vuole fuggire dal proprio passato.
Tutto ciò sembra avere un unico comune denominatore, ovvero la critica situazione politica ed economia della Tunisia. Non è una novità, visto che sono molti gli Stati ad oggi che vivono una situazione di crisi (italia compresa), ma la situazione tunisina sembra essere davvero disastrosa.
La disoccupazione giovanile è ai massimi storici e molti ragazzi abbandonano gli studi per dedicarsi ad attività spesso non lecite.
A questo punto la possibilità di abbandonare tutto alla ricerca di nuova fortuna in un nuovo Paese sembra essere troppo allettante per rimanere e a ciò si uniscono le immagini sui social dei propri connazionali già sbarcati che sembrano fare una vita migliore.