Milan-Fiorentina: precedenti e probabili formazioni - Notizie.it
Milan-Fiorentina: precedenti e probabili formazioni
Calcio

Milan-Fiorentina: precedenti e probabili formazioni

Tra gol fantasma, un’eliminazione prevista ma comunque amara, rigori dubbi ed il caso-Pato in casa Milan il rischio è ben focalizzato: perdere di vista la volata finale del campionato che da sabato fino a domenica 13 maggio vedrà i rossoneri con lo stesso numero di partite da giocare rispetto alla Juventus, con due punti di vantaggio ma anche con qualche infortunato in più. Il nome illustre è ovviamente quello del Papero ma le polemiche stanno a zero: se anche Allegri non l’avesse rischiato, chi assicura che non si sarebbe infortunato magari già contro la Fiorentina? Già, la Viola: squadra in crisi ma comunque con qualche valore tecnico importante. Colpi di coda in vista?

Milan: fatto sta che l’indice di gradimento del tecnico all’interno del gruppo, già non altissimo neppure dopo lo scudetto dello scorso anno, non è certamente risalito. Non ha convinto l’aver schierato Pato appena recuperato: se a questo si sommano i disagi di un presidente onorario mai convinto fino in fondo dell’operato dell’allenatore, ecco che i rischi legati alla partita contro la Fiorentina sono soprattutto psicologici.

Come reagirà la squadra all’eliminazione ed alle tensioni interne? Quanto alla formazione, non dovrebbe farne parte Antonio Cassano, comunque subito convocato dopo il nulla osta medico: potrebbe giocare uno scampolo di gara, ma per il momento è importante tornare nel gruppo. Il numero degli assenti si sta assottigliando ma Allegri deve anche fare i conti con la stanchezza: turno di riposo quindi per Nesta e Boateng, non convocati, mentre Nocerino, stakanovista della stagione e in chiaro debito di ossigeno da qualche settimana, gol al Camp Nou a parte, dovrebbe riposare in un centrocampo ridisegnato dalla perdurante assenza di Van Bommel ancora bloccato dai guai alla schiena: così Muntari agirà da regista basso con Aquilani ed Emanuelson ai lati mentre Seedorf sarà il trequartista alle spalle della coppia d’attacco che sarà formata ancora da Ibra e Robinho, almeno in avvio. El Shaarawy pronto a subentrare. Indisponibili: Roma, Antonini, Nesta, Mesbah, Thiago Silva, Boateng, Flamini, Strasser, Van Bommel, Inzaghi, Pato.

Squalificati: nessuno.

Fiorentina: chiudere la pratica salvezza il prima possibile e programmare il futuro, forzatamente più ambizioso. Questo il diktat dei Della Valle al termine dell’ennesima settimana tribolata, quella dello sbocciare ufficiale della “grande paura”. “Della Serie B non voglio neppure sentir parlare” ha dichiarato il patron Andrea, come di sicuro non vorrà sentir parlare della possibilità di salvarsi a discapito delle altre squadre coinvolte nel calcioscommesse. Il tutto alla vigilia di una partita che un tempo sarebbe stata una trappola per il Milan ma che oggi sembra una formalità. Mai fidarsi, però, perché anche se può sembrare paradossale le ultime prestazioni offerte, Juve a parte, hanno visto la squadra raccogliere meno punti di quanto avrebbe meritato. Il problema è sempre quello, il gol che non vuole arrivare a cui si accompagnano puntuali svarioni difensivi. Contro i rossoneri marcheranno visita Gamberini, infortunato, al pari di Cassani e Vargas, che non recuperano dai problemi alla schiena ed alla caviglia.

Spazio quindi al 3-5-2 con Lazzari a completare il terzetto di centrocampo in cui mancherà Montolivo, squalificato, uno stop che ha fatto discutere i malpensanti proprio al cospetto della sua prossima squadra. Amauri acciaccato ma in campo. Indisponibili: Cassani, Felipe, Gamberini, Kroldrup, J. Vargas. Squalificati: Cerci, Montolivo.

Precedenti: sono ben 72 i precedenti in Serie A tra le due squadre ed il bilancio delle sfide giocate a San Siro arride nettamente al Milan con 44 vittorie contro 8 e 19 pareggi. Nelle ultime tre partite si sono registrate altrettanti successi rossoneri e sempre per 1-0, l’ultimo dei quali firmato Ibrahimovic il 20 novembre 2010. La Viola non esce indenne dal 3 settembre 2007, posticipo della 1° giornata per l’impegno del Milan in Supercoppa Europea contro il Siviglia: Mutu rispose ad un rigore di Kakà; i toscani non vincono in casa del Milan da undici anni quando, il 17 maggio 2001, una doppietta di Enrico Chiesa fissò il 2-1.

Fu un successo che chiuse un’epoca felice per i gigliati nel San Siro rossonero, fatto da altre due vittorie nelle precedenti tre annate. Tra i ricordi più dolci, il 6-0 del Milan datato 12 dicembre 2004 con doppiette di Crespo e Seedorf ed il 2-1 viola del 20 settembre 1987 con reti di Diaz e di Roby Baggio, autore di uno dei gol più belli della sua carriera.

Probabili formazioni. Milan: Abbiati; Abate, Bonera, Mexes, Zambrotta; Aquilani, Muntari, Emanuelson; Seedorf; Ibrahimovic, Robinho. Fiorentina: Boruc; Camporese, Natali, Nastasic; De Silvestri, Kharja, Behrami, A. Lazzari, Pasqual; Amauri, Jovetic.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche