×

Milan, quale futuro?

Condividi su Facebook
Galliani

La storia infinita della Juve alla ricerca del nuovo allenatore ha tolto attenzione alla stessa ricerca che attende il Milan. La società rossonera infatti sembra ormai orientata a congedare Leonardo, dopo una stagione comunque positiva, ma evidentemente per i “piani alti” abbastanza deludente. Non basterebbe al tecnico brasiliano aver conquistato un ottimo 3° posto, nell’anno in cui squadre come la Juventus lottano per il 6°.

A questo punto è già futuro: a chi affidare la panchina rossonera? La candidatura più forte è quella interna, con Filippo Galli coadiuvato dall’eterno Mauro Tassotti. Altri nomi sono i soliti grandi ex-rossoneri: da Van Basten a Rijkaard, passando per Donadoni e Costacurta, arrivando addirittura a Paolo Maldini. Volendosi allontanare dalla politica degli ex-giocatori milanisti, i nomi interessanti sono senza dubbio quelli di Massimiliano Allegri e, perchè no, Domenico Di Carlo, cercato anche a Firenze dopo le 2 ottime annate con il Chievo.

Sta ad Adriano Galliani e alla società prendere una decisione nel minor tempo possibile, anche perchè c’è un mercato da condurre.

Anche se l’idea societaria è di un parziale ridimensionamento: più spazio ai giovani del vivaio (Albertazzi, Beretta e Zigoni in testa), acquisti mirati e soprattutto poco dispendiosi.

Se esiste il rischio di vedere un Milan non competitivo su 3 fronti l’anno prossimo? Si potrà rispondere a questo quesito quando si saprà, almeno, chi l’anno prossimo siederà sulla panchina del buon Leonardo…

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche