Milan, il Tas accoglie il ricorso: giocherà in Europa League
Milan, il Tas accoglie il ricorso: giocherà in Europa League
Sport

Milan, il Tas accoglie il ricorso: giocherà in Europa League

Sentenza Uefa sul Milan
Sentenza Uefa sul Milan

Ribaltata la sentenza UEFA: i rossoneri giocheranno in Europa nella stagione 2018/19. Il club riceverà una nuova sanzione proporzionata.

Dopo mesi di attesa, caratterizzati da un iniziale sconforto, speranza e stravolgimenti a livello di proprietà, il Milan ha finalmente conosciuto il suo destino: nella mattinata di venerdì 20 luglio il Tribunale Arbitrale dello Sport si è infatti pronunciato, accogliendo il ricorso del club rossonero alla sentenza dell’UEFA che lo condannava all’esclusione dall’Europa League 2018/2019. Il Tas ha quindi ribaltato la decisione dell’organo amministrativo del calcio europeo, stabilendo che il Milan potrà partecipare alla competizione conquistata sul campo nel finale dello scorso campionato, che lo vedrà così approdare direttamente alla fase a gironi. Si spengono dunque i sogni della Fiorentina, che avrebbe beneficiato di un posto in Europa (a partire dai preliminari) in caso di esclusione dei rossoneri. Probabilmente decisivo il cambio di proprietà che ha visto la società passare dalle mani Yonghong Li a quelle del fondo americano Elliott.

Milan riammesso in Europa League

Il club e i tifosi avevano aspettato questa decisione per settimane, e il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna si è infine espresso nella mattinata di venerdì 20 luglio: come riportato nel comunicato ufficiale, il Milan giocherà in Europa League nella stagione 2018/2019, a contrario di quanto aveva stabilito l’UEFA nella sua sentenza del 27 giugno 2018 che decretava l’esclusione dei rossoneri per un anno dalle competizioni europee.

La società milanese aveva preso atto della sanzione, dovuta alle violazioni sul tema del Fair Play Finanziario, ma aveva poi deciso di ricorrere al Tas, presentando una memoria difensiva più ampia e articolata.

“Il Collegio del TAS incaricato del procedimento arbitrale ha parzialmente accolto le istanze del Milan ed ha deciso quanto segue”, si legge nella nota comparsa sul sito ufficiale del Tas.

“La decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB del 19 giugno 2018 è confermata nella parte in cui stabilisce il mancato adempimento, da parte del Milan, del requisito del pareggio di bilancio; la decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB del 19 giugno 2018 è annullata nella parte in cui stabilisce l’esclusione Milan dalla prossima competizione UEFA per la quale si sarebbe, altrimenti, qualificato nelle due stagioni successive (ovvero la stagione 2018/19 o la stagione 2019/20); il caso è rinviato all’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB per l’irrogazione di una sanzione disciplinare proporzionata“.

Sembra aver giocato un ruolo decisivo, in questo senso, il cambio di proprietà, con il club che è passato in gestione a Elliott dopo che il cinese Yonghong Li non era stato in grado di trovare un nuovo acquirente che saldasse il debito con il fondo americano. Inoltre, pare che la difesa rossonera vertesse anche sulla disparità di trattamento rispetto a Inter, Psg e Manchester City, a cui non era stata imposta alcuna esclusione dalle competizioni europee a fronte di deficit molto simili a quelli del Milan.

Non a caso, il comunicato pubblicato sul sito ufficiale del Tas riferisce come “alcuni elementi rilevanti non fossero stati adeguatamente considerati dall’Adjudicatory Chamber”, con un riferimento poi dettagliato a “l’attuale situazione finanziaria del club, significativamente migliorata in seguito al recente cambio di proprietà dello stesso”.

La nuova decisione del Tas rimanda quindi il Milan all’UEFA, che dovrà nuovamente valutare gli elementi in gioco per riformulare una sentenza proporzionata: possibile che si tratti dunque di una sanzione economica e un’eventuale limitazione sulla lista dei giocatori che il club potrà iscrivere all’Europa League, così come già accaduto all’Inter.

“Il Collegio del TAS ha rigettato la richiesta del Milan di ordinare all’UEFA la conclusione un accordo transattivo, ma ha stabilito che la decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB di escludere il Milan dalle competizioni per club da essa organizzate non è proporzionata“, spiega infatti il comunicato.

Si deve quindi rassegnare la Fiorentina, che in caso di esclusione dei rossoneri sarebbe stata ripescata per partecipare all’Europa League a partire dalla fase preliminare. I viola avevano anche anticipato il ritiro estivo di qualche giorno, proprio nell’ottica di poter disputare i primi incontri ufficiali prima di quanto previsto. Con quanto stabilito dal Tas, invece, sarà l’Atalanta a disputare i play-off, con il Milan che approderà direttamente alla fase a gironi della competizione. Era stata proprio la vittoria sui “Viola”, ottenuta nell’ultima giornata di campionato, a dare ai rossoneri il pass per i gruppi di Europa League.

La sentenza del Tas potrebbe aiutare la società meneghina anche in sede di calciomercato: in primis, la riammissione in Europa League servirebbe a placare il malcontento che, secondo le voci circolate nei giorni precedenti a questa decisione, attanagliava alcuni dei migliori giocatori della squadra, come il capitano Leonardo Bonucci e Suso. In particolare sembra che il difensore stesse prendendo tempo per capire il destino del club prima di riflettere su un eventuale trasferimento, con il Psg apparentemente interessato.

Resta invece ancora da giocare la partita che riguarda il mercato in entrata, bloccato nelle ultime settimane proprio in virtù delle delicate vicende societarie che il Milan stava attraversando.

Sciolto quest’ultimo nodo, sembra che la dirigenza rossonera abbia individuato un attaccante centrale come la principale priorità di questa sessione estiva: rientrano dunque in quest’ottica i contatti con il Chelsea per sondare la disponibilità a vedere Alvaro Morata, così come rimane viva la possibilità di trattare Gonzalo Higuaín, in uscita dalla Juventus.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora
Burberry Cofanetto Regalo Profumo Burberry Weekend For Men + All Over Shampoo
39.5 €
Compra ora
Alessandro Bai
Alessandro Bai 189 Articoli
Alessandro Bai, nato nel 1991 a Milano, città che ama ma da cui non può fare a meno di spostarsi (e ritornare, sempre). Una mamma brasiliana, un anno di studi in Inghilterra e la passione per le lingue mi hanno dato l'apertura mentale che cerco di riportare nel giornalismo. Racconto di sport per fare emozionare.