> > Milano: finge investimento e truffa conducenti, arrestato

Milano: finge investimento e truffa conducenti, arrestato

default featured image 3 1200x900

Milano, 24 set. (Adnkronos) - Fingeva di essere investito dalle auto in transito e cercava di estorcere denaro ai conducenti spaventati. La polizia ha arrestato a Milano, in zona Quarto Oggiaro, un uomo di 36 anni, cittadino italiano, con le accuse di truffa e rapina. L'uomo, pregiudicato, nono...

Milano, 24 set.

(Adnkronos) – Fingeva di essere investito dalle auto in transito e cercava di estorcere denaro ai conducenti spaventati. La polizia ha arrestato a Milano, in zona Quarto Oggiaro, un uomo di 36 anni, cittadino italiano, con le accuse di truffa e rapina. L'uomo, pregiudicato, nonostante si trovasse agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, usciva di casa per commettere le truffe. Rimaneva sul ciglio della strada, vicino alle strisce pedonali, in attesa di un'auto, poi si buttava addosso al mezzo, facendosi investire.

I conducenti, spaventati, si fermavano per accertarsi delle condizioni dell'uomo, che, a quel punto, tentava subito una conciliazione chiedendo soldi per evitare di proseguire per vie legali.

Al 36enne la polizia attribuisce tre diversi episodi, commessi tra fine luglio e agosto in zona Certosa. Il 26 luglio scorso, in via Mac Mahon, il tentativo di truffa degenera in una rapina. L'uomo chiede 150 euro per un presunto danno al telefono cellulare, ma il conducente dell'auto gli offre un nuovo cellulare da acquistare in un negozio.

La proposta fa però infuriare il truffatore, che con violenza e minacce costringe la vittima a prelevare danaro da un bancomat.

Il 16 agosto, in viale Certosa, a seguito di un altro investimento simulato, l'uomo chiede 100 euro, ma il conducente del mezzo, al momento di prelevare i soldi, ferma una volante della polizia. Il 36enne fugga, ma viene identificato. Infine il 25 agosto l'uomo tenta di truffare tre persone.

Il 36enne è stato identificato e fermato ed è stato sottoposto agli arresti domiciliari.