Milano: il Fai apre le porte dell'Albergo Diurno - Notizie.it
Milano: il Fai apre le porte dell’Albergo Diurno
Milano

Milano: il Fai apre le porte dell’Albergo Diurno

A Milano, in tempi passati, esistevano gli Alberghi Diurni. Erano centri servizi per viaggiatori di passaggio nell’industriosa città e contenevano, oltre ai bagni pubblici, le terme, il negozio di barbiere e di manicure, il fotografo e l’Agenzia Viaggi, della quale usufruivano anche i milanesi che non volevano arrivare sino alla Stazione Centrale per acquistare i biglietti ferroviari, che allora non erano venduti nelle agenzie viaggi private. Per comodità gli Alberghi Diurni erano nel sottosuolo di zone strategiche come PIazza Duomo o Piazzale Oberdan, quest’ultimo, realizzato su progetto di Piero Portaluppi tra il 1923 e il 1925, è stato chiuso, ormai in disuso da decenni, nel 2006 ma per fortuna si è mantenuto intatto ed ora, grazie ad un accordo di valorizzazione firmato tra il FAI (Fondo Ambiente Italiano costituito da volontari impegnati a tutelare e valorizzare il patrimonio naturale e artistico italiano) e il comune di Milano, è visitabile.

Oltre alle festività e ai week end appena passati di dicembre, sarà aperto 1l 19 dicembre e il 9, 16, 23 gennaio dalle ore 10 alle18 con visite di 30 minuti, durante le quali i volontari del FAI racconteranno e mostreranno il passato storico e artistico negli ambienti che conservano ancora il fascino di quegli anni, con l’art Déco del salone a colonne e con gli oggetti ancora all’interno delle vetrine dei negozi, lasciando nei visitatori l’impressione di un viaggio nel tempo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Daniele Orlandi
Daniele Orlandi 5899 Articoli
Ama osservare, carpire ogni sfumatura, cogliere l'attimo e raccontare il tutto sulla carta stampata e sul web. Nato a Milano, dopo la laurea in Comunicazione Digitale ha intrapreso l'attività giornalistica sul campo pubblicando interviste, inchieste e approfondimenti su testate cartacee ed online. L'altra passione insieme alla scrittura? la musica. Dal 2011 collabora con Notizie.it di cui, dal 2018, è direttore responsabile.