×

Milano: incendio Torre dei Moro, residenti non pagheranno Imu

default featured image 3 1200x900 768x576

Milano, 23 mag. (Adnkronos) – I residenti nei condomini della Torre dei Moro, in via Antonini, andata distrutta a causa di un incendio il 29 agosto 2021, non pagheranno l'Imu. E' uno degli effetti della decisione della giunta del Comune di Milano, che ha azzerato l'imposta dovuta per il 2022 per le abitazioni principali dichiarate inagibili o inabitabili in seguito a eventi eccezionali.

La legge di bilancio 160/2019, con cui è stata istituita la nuova Imu, prevede infatti che gli alloggi divenuti inagibili per cause di forza maggiore perdano di conseguenza il requisito di abitazione principale, e quindi l’esenzione Imu prevista per la “prima casa”: i proprietari sono chiamati a versare il tributo con l’aliquota dello 0,86 per cento, anche se dimezzato. La norma prevede che i Comuni, con deliberazione del Consiglio comunale, possano ridurre fino allo zero l’aliquota applicata per questo tipo di immobili: a questo provvede il documento di Giunta, che azzera l’imposta con effetto dall’1 gennaio 2022.

“I proprietari di casa con residenza nel grattacielo di via Antonini una volta perso il domicilio perché l’immobile è stato dichiarato inagibile si sono trovati con la beffa di dover pagare anche l’Imu, seppur in tariffa ridotta al 50%. E’ una norma nazionale, come abbiamo già spiegato, su cui il Comune può intervenire per la prossima Imu 2022 portando l’aliquota a zero, per il periodo di inagibilità, per le prime case in questa situazione.

Riteniamo giusto ed equo non penalizzare chi non ha nessun motivo per pagare più tasse, perché non ha avuto un reddito in più ma una disgrazia”, spiega l'assessore al Bilancio in commissione, Emmanuel Conte.

Dopo l’esame oggi in Commissione Bilancio, per entrare in vigore dovrà essere approvato dall’Aula entro il 31 maggio. Contestualmente, il provvedimento propone al consiglio comunale l’esenzione per gli immobili concessi in comodato gratuito a enti territoriali o non commerciali per “favorire ulteriormente gli enti del terzo settore”, nel caso in cui il comodante sia un soggetto non commerciale.

Per interventi a favore dei cittadini coinvolti nell’incendio di via Antonini il Comune di Milano ha inoltre ricevuto a maggio un contributo di 20mila euro dal Comune di Assago: l’amministrazione ha deciso di utilizzarlo per rimborsare le spese sostenute dal condominio per la custodia e la messa in sicurezza dell’immobile.

Contents.media
Ultima ora