×

Milva, chi era: carriera e vita privata della Pantera di Goro della canzone italiana

Chi era Milva, la Rossa della musica italiana che nella sua lunga carriera ha pubblicato 173 album e partecipato 15 volte a Sanremo.

Chi era milva

Pseudonimo di Milva Ilva Biolcati, Milva è stata una delle più note cantanti e attrici teatrali italiane degli anni Sessanta e Settanta: scomparsa all’età di 81 anni dopo una lunga malattia, nella sua lunga carriera ha trionfato sui palcoscenici di gran parte del globo ottenendo importanti onorificenze nazionali e internazionali.

Chi era Milva

Nata nel 1939 ha iniziato fin da giovanissima a cantare nelle balere del basso ferrarese con il nome d’arte Sabrina. Dopo aver trionfato in un concorso di voci nuove della Rai nel 1959, due anni dopo ha parteipato per la prima volta al Festival di Sanremo con Il mare nel cassetto arrivando terza. La cantante prese parte all’evento altre quattordici volte nel corso della sua carriera, un record di presenze che detiene insieme a Peppino Di Capri, Toto Cutugno e Al Bano.

Tra i suoi maggiori successi agli esordi si ricordano Tango Italiano, Flamenco rock e Blue spanish eyes. Quelli rimasti maggiormente impressi nell’immaginario collettivo sono invece: Milord, La filanda, cover della cantante portoghese Amália Rodrigues, Alexander Platz, scritta da Franco Battiato in collaborazione con Giusto Pio come tutto l’album Milva e dintorni (1982), e Canzone di Don Backy.

Nel 2010, dopo cinquantun anni di carriera, pubblica il terzo album scritto e prodotto per lei da Franco Battiato (Non conosco nessun Patrizio) e annuncia il suo addio alle scene almeno per quanto riguarda le esibizioni dal vivo.

La sua lunga carriera l’ha portata a ricevere importanti onorificenze da Italia, Francia e Germania. É infatti l’unica artista italiana ad essere contemporaneamente Ufficiale dell’Ordre des arts et des lettres, Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania, Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e Cavaliere della Legion d’onore della Repubblica Francese.

Perché era soprannominata la Pantera di Goro

L’artista era nota con il soprannome “La Pantera di Goro” perché, originaria del comune ferrarese, faceva parte del quartetto delle grandi voci femminili italiane degli anni Sessanta e Settanta insieme a Mina, soprannominata la Tigre di Cremona, Iva Zanicchi, l’Aquila di Ligonchio, e Orietta Berti, l’Usignolo di Cavriago.

La malattia e la vita privata

Nel 2010 la cantante ha raccontato di soffrire di una serie di patologie (“qualche sbalzo di pressione, una sciatalgia a volte assai dolorosa, qualche affanno metabolico“) e di aver anche perso la memoria dopo un ricovero. “Sono uscita dalla clinica che ho recuperato tutto, ma ho messo a dura prova la mia salute anche a causa della carriera“, aveva aggiunto.

Per quanto riguarda la sua vita amorosa, il primo grande amore di Milva è stato quello con il regista Maurizio Corgnati, morto a causa di una grave malattia, con cui ha avuto la figlia Martina. Il secondo compagno della cantante, Mario Piave (all’anagrafe Domenico Serughetti), è stato invece assassinato mentre era a bordo della sua automobile. Non sono poi passate inosservate agli occhi del gossip anche le sue relazioni con Massimo Gallerani e Luigi Pistilli.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora