×

Missile Corea del Nord, Giappone: “Lanciato a mezza potenza, poteva raggiungere i 5000 km”

Il missile balistico della Corea del Nord che lo scorso martedì ha sorvolato il Giappone potrebbe essere stato lanciato a metà della sua gittata potenziale

Corea

Secondo l’ultima ipotesi formulata dai militari sudcoreani, il missile balistico della Corea del Nord che lo scorso martedì ha sorvolato il Giappone potrebbe essere stato lanciato a metà della sua gittata potenziale.

Il missile lanciato dalla Corea del Nord sul Giappone è stato lanciato a metà della sua potenza: l’ipotesi

Il missile balistico nordcoreano che ha sorvolato il Giappone lo scorso martedì sera potrebbe essere stato lanciato a metà della sua gittata potenziale. E’ questa l’ultima ipotesi formulata dai militari sudcoreani in una analisi sulla vicenda, depositata poi a Seul.

Il vettore Hwasong-12 a medio raggio, infatti, è partito con un angolo che è stato definito come “normale” e, nonostante la potenza sia stata ridotta, ha seguito la traiettoria di circa 2700 chilometri con un’altezza massima pari a 550 chilometri.

Se invece fosse stato programmato e lanciato ad una potenza massima, il missile avrebbe potuto coprire circa 4500-5000 chilometri.

Il vero pericolo dei razzi lanciati dalla Corea del Nord però riguarda in particolar modo la capacità di rientro in atmosfera.

Le parole del vice ministro della Difesa sudcoreano

Il vice ministro della Difesa sudcoreano Suh Choo-suk durante un’audizione parlamentare ha dichiarato che “è necessaria un’attenta analisi sul punto” e ha aggiunto inoltre che le ricostruzione dei media siano basate soprattutto su speculazioni, secondo le quali il missile di Pyongyang si sia spezzato in tre pezzi e che questo rappresenti un fallimento della parte finale del test.

In un rapporto dettagliato, viene inoltre spiegato come sia stata inconsueta la scelta della base di lancio, ovvero il campo d’aviazione di Sunan, alle porte di Pyongyang. Nel documento infatti si può leggere: “C’è la possibilità di provocazioni strategiche, inclusi i lanci aggiuntivi di missili balistici e un sesto test nucleare, rinnovando in questo modo l’imprevidibilità di Pyongyang.

Il tutto poi con lo scopo di “mostrare i miglioramenti nelle capacità sul fronte delle testate nucleari e dei relativi strumenti di consegna”.

L’agenzia Yonhap ha anche ricordato che la Corea del Nord è sempre pronta ad effettuare la detonazione di un ordigno atomico in un qualsiasi momento al sito dei test nucleari di Punggye-ri.

Nuova minaccia della Corea del Nord contro il Giappone

Nel frattempo, l’agenzia ufficiale nordcoreana ha diffuso nuove minacce contro il Giappone attraverso un inusuale messaggio video sulla Tv di Pyongyang: “Tokyo alleata con gli Usa, sta rischiando l’autodistruzione”.

Nel comunicato inoltre si nomina direttamente anche l’isola di Hokkaido, sorvolata lo scorso martedì dal missile a medio raggio che è stato lanciato proprio dalla Corea del Nord.

Leggi anche