Modi di dire in italiano: significato e origine dei più divertenti
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Modi di dire in italiano: significato e origine dei più divertenti
Lifestyle

Modi di dire in italiano: significato e origine dei più divertenti

modi di dire

Alcune espressioni sono davvero bizzarre: svelata l'origine di alcuni modi di dire in lingua italiana, che possono apparire un po' strani a uno straniero

Paese che vai, usanza che trovi. Spesso la “confusione internazionale” può essere causa di fraintendimenti tra colleghi e partner commerciali di origini diverse. Si tratta delle cosiddette espressioni idiomatiche, ovvero quelle frasi che amiamo utilizzare per arricchire il linguaggio o per dare maggior peso alle parole. Ma il significato di questi modi di dire rimane spesso un mistero per chi ci ascolta, soprattutto se di nazionalità differente.

Tutte le lingue utilizzano di frasi, ma non tutte le espressioni idiomatiche risultano traducibili, almeno non letteralmente. Ogni giorno, infatti, può capitare di sentire modi di dire per la prima volta senza riuscirne a carpire il significato corretto. Oppure vorremmo usare quella particolare espressione idiomatica che tanto amiamo nella nostra lingua madre, ma della quale non troviamo corrispettivo in un’altra lingua.

Voi avete mai provato a tradurre un’espressione idiomatica? Vi siete trovati anche voi di fronte a dei volti sui quali era dipinta la più completa confusione? Le illustrazioni dell’americano Paul Blow, ad esempio, rappresentano graficamente e spiegano in inglese alcune delle frasi fatte e dei modi di dire più strani che si possono trovare nelle lingue del mondo.

Chi le studia, sa bene che a volte le espressioni possono essere davvero strane. Nonché difficili da comprendere per un parlante non nativo. Ecco alcuni esempio tratti proprio dalla nostra lingua madre, che lascerebbero a occhi sbarrati numerosi stranieri.

Stare con le mani in mano

Non è un luogo comune. Noi italiani gesticoliamo moltissimo e spesso riusciamo a riassumere un intero discorso con un movimento di mani e dita. Proprio come fanno i tedeschi con le loro interminabili parole che esprimono concetti astrusi e complicati. Adesso, ripensando al modo di dire, è più facile comprenderne la connotazione negativa. Dopotutto, dire a un italiano che se ne sta “con le mani in mano” è come spogliarlo di uno dei suoi tratti distintivi.

Non ci piove

Questo modo di dire di origine popolare e descrive perfettamente l’idea di sicurezza di ciò che viene espresso. Se “non ci piove”, significa che ci si trova in un posto protetto e irraggiungibile da qualsiasi dubbio o problema.

Piove sul bagnato

Questo modo di dire esprime chiaramente l’indignazione quando succede qualcosa di veramente ingiusto a chi non se lo merita.

Se, ad esempio, un miliardario vince la lotteria, ecco, in quel casi “piove proprio sul bagnato”!

Acqua in bocca!

Narra la leggenda che una donna molto devota, ma anche pettegola, avesse chiesto aiuto al suo confessore per non sparlare più della gente. Il prete, molto saggio, le suggerì un liquido miracoloso che avrebbe dato un freno al suo desiderio di sparlare. “Ne prenda alcune gocce e le tenga in bocca, le disse, vedrà che è miracoloso!”
Ecco allora che per trattenere un liquido è necessario tenere la bocca chiusa. Evitando in questo modo di parlare!

Chiodo scaccia chiodo

Alcuni pensano che per superare qualche “dramma del passato” sia necessario trovare la forza per dimenticare e andare avanti. Chiodo scaccia chiodo significa quindi che quel chiodo vecchio e arrugginito che tanto fa stare male deve lasciare il posto a un chiodo nuovo. La soluzione è a portata di mano e martello!

Avere un diavolo per capello

Non si tratta di essere così arrabbiati da essere posseduti dal demonio. Non si tratta nemmeno di avere pensieri negativi e maligni per le persone che vi disturbano. Qui di diavoletti che vi turbano la mente ce ne sono a migliaia. Se ne stanno lì a saltellarvi in testa e a tirarvi i capelli come pazzi.

Da che pulpito viene la predica!

Un tempo, quando nelle chiese venivano usati i pulpiti, il prete lanciava anatemi dal pulpito facendo morire di vergogna i parrocchiani. Naturalmente il segreto della confessione era al sicuro. Ma chi aveva la coda di paglia si sentiva comunque preso in causa…

In bocca al lupo

Una colorita espressione per augurare buona fortuna. In passato questa locuzione si credeva che riuscisse ad allontanare la sfortuna per la sua carica di magia, era un’antica formula di augurio per i cacciatori. A testimonianza di quanto si credeva nel valore magico di queste parole, il modo di dire si è esteso a tutte le situazioni difficili in cui si imbatte l’uomo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche