> > Mondiali 2022, impresa del Marocco: festa grande a Rabat e Casablanca

Mondiali 2022, impresa del Marocco: festa grande a Rabat e Casablanca

default featured image 3 1200x900

Rabat, 6 dic. (Adnkronos) - E' il giorno del Marocco ai mondiali di calcio in Qatar. "Vittoria storica" e "Epico", titolano i media locali per celebrare la vittoria sulla Spagna agli ottavi di finale, mentre a Rabat e a Casablanca un fiume di persone si è riversato ne...

Rabat, 6 dic.

(Adnkronos) – E' il giorno del Marocco ai mondiali di calcio in Qatar. "Vittoria storica" e "Epico", titolano i media locali per celebrare la vittoria sulla Spagna agli ottavi di finale, mentre a Rabat e a Casablanca un fiume di persone si è riversato nelle strade per festeggiare. Nella capitale si assiste a "scene di giubilo", riporta il corrispondente dell'agenzia di stampa Anadolu, mentre sul web vengono diffusi i video della festa nelle piazze.

E mentre il traffico è paralizzato dai caroselli, i marocchini impazziti di gioia festeggiano una vittoria che va al di là del semplice aspetto sportivo data la storica rivalità con la Spagna.

Canti e balli promettono di andare avanti per tutta la notte. "Un fiume di persone si è riversata in strada a Casablanca per celebrare la vittoria", scrive 'Al-Ayoum 24'. La corniche di Ain Diab è stata letteralmente invasa da giovani, donne, bambini, uomini e anziani "tutti esultanti per la storica vittoria, avvolti nelle bandiere nazionali".

"Qui è la storia", scrive France 24, ricordando come i Leoni dell'Atlante siano diventati la quarta squadra africana ad accedere ai quarti di finale della Coppa del Mondo. "Abbiamo disputato una partita enorme. I ragazzi hanno seguito il piano tattico. Siamo passati alla storia, soprattutto per il popolo marocchino. È storico per il Marocco e l'Africa. Quando c'è un cuore, l'energia e l'amore si vincono le partite", ha commentato l'allenatore Walid Regragui dopo la partita.

"Alcuni giocatori sono in ginocchio, ma per il Paese sono pronti a morire. Siamo in missione, dobbiamo smetterla di avere complessi", ha aggiunto, sottolineando che "tutti i giocatori sono stati meravigliosi, hanno lottato fino all'ultimo minuto, abbiamo dato tutto quello che avevamo, ora dobbiamo riposare per pensare alla prossima partita".

E intanto sulla stampa marocchina c'è già chi propone di erigere una statua al portiere Bounou, "l'eroe nazionale" che ha parato i primi tre rigori calciati dagli spagnoli.