×

Morta a 74 anni dopo la visita della guardia medica: la famiglia pronta alla denunciare

Una donna è morta domenica 23 gennaio a 74 anni dopo la visita della guardia medica che per la famiglia sarebbe stata frettolosa ed approssimativa

Secondo i media la famiglia del 74enne deceduta a Ravenna vuole denunciare il tutto ai Carabinieri

Morta a 74 anni dopo la visita a domicilio della guardia medica: la famiglia di una donna di Ravenna sarebbe pronta a denunciare alle forze dell’ordine un presunto caso di malasanità alla Usca di Ravenna, un caso che potrebbe sfociare in un’azione legale dopo una querela di parte a polizia o carabinieri.

Secondo il racconto mutuato dai media la donna è morta nella serata di domenica 23 gennaio. 

Morta dopo la visita della guardia medica, per la famiglia visita frettolosa ed approssimativa

Il decesso, secondo la versione dei familiari, sarebbe avvenuto dopo che i dolori allo stomaco avevano portato ad una visita alla paziente in cui le sarebbe stato sconsigliato il ricovero. La figlia della deceduta vuole sporgere denuncia contro l’Ausl e contro il medico di turno.

Ha raccontato il genero della donna: “Domenica mattina alle 8 abbiamo chiamato la guardia medica. La centrale del 118 ci aveva spiegato che per quel tipo di dolori è il medico di guardia a doversene occupare”.

La visita a domicilio della guardia medica per i contagi Covid e la paziente morta poco dopo

Dopo reiterati tentativi telefonici risponde un’operatrice. Poi sorge il problema: a casa sono tutti positivi al Covid e in questi casi il protocollo prevede l’invio a domicilio di un team di medici Usca.

Spiega il genero: “Nel frattempo mia suocera ha cominciato a vomitare nero. Le era già successo lo scorso anno, per questo mia moglie ha tirato fuori tutte le cartelle cliniche”. E secondo una versione da appruare nelle opportune sedi quella documentazione non sarebbe stata visionata dal medico

La versione della figlia sulla visita della guardia medica: “Ricovero sconsigliato, tre ore dopo mia madre è morta”

La chiosa è della figlia: “Il dottore era piuttosto indisposto.

Ha detto che mia madre non stava male, le ha tastato la pancia e le ha prescritto medicinali contro il dolore allo stomaco. Ci ha anche detto che per questioni come queste non si chiama la guardia medica ma bisogna solo aspettare. Gli abbiamo chiesto, visto il precedente che era dovuto ad una ernia iatale, se non fosse il caso di andare al pronto soccorso. Ci ha detto di no, assolutamente, e se ne è andato. Tre ore dopo mia madre è morta tra le mie braccia”. 

Contents.media
Ultima ora