×

Morta la gatta Nina dopo 10 anni di torture: era stata legata a una catena fin dalla nascita

Purtroppo la piccola gatta Nina, felino trovato in condizioni precarie in provincia di Pordenone, è morta: la terribile scoperta.

Gatta Nina morta

La gatta Nina, il piccolo felino trovato dalle guardie zoofile dell’OIPA di Pordenone, è purtroppo morta. Il felino era stato trovato legato a una catena e, secondo gli esperti, avrebbe vissuto in queste condizioni fin dalla nascita. Il fisico non avrebbe retto agli sforzi, da qui il decesso.

Gatta Nina morta, la storia 

La piccola gatta Nina è stata ritrovata in condizioni a dir poco pietose: decisivo l’intervento dopo una telefonata anonima per segnalare quanto accaduto. La scoperta è avvenuta a Porcia, in provincia di Pordenone: l’animale si trovava in uno scatolone all’interno del quale vi era la gattina Nina. Il felino non riusciva nemmeno a compiere i movimenti base a causa, inoltre, del poco spazio a disposizione. 

Gatta Nina morta, i dettagli 

La situazione della piccola gattina andava avanti da anni. I responsabili avrebbero anche rintracciato il responsabile che si sarebbe giustificato, parlando di non voler farla fuggire. Fatto sta che i controlli effettuati da un veterinario hanno scoperto gravi problemi di salute, poi il decesso per problemi all’intestino avvenuto sabato 28 agosto 2021. 

Gatta Nina Morta, la posizione dell’OIPA

I volontari dell’OIPA avevano anche trovato una dimora e una famiglia, purtroppo però Nina non ce l’ha fatta.

In ogni caso il proprietario è stato denunciato per maltrattamento ai danni dell’animale e una sanzione per un cane senza microchip.

Sulla vicenda ha parlato Maria Laura D’Amore, coordinatrice nucleo delle guardie zoofile dell’OIPA di Pordenone e provincia. “Nina giaceva raggomitolata su se stessa in stato di abbandono, non rispondeva agli stimoli esterni, disorientata, il pelo arruffato, pieno di nodi. Aveva gli arti doloranti e difficoltà a reggersi in piedi. Questo gli rendeva difficile anche raggiungere la ciotola dell’acqua a terra”.

Contents.media
Ultima ora