×

Morte Piero Sonaglia, l’omaggio nel serale di Amici sulle note di Vasco Rossi

La terza puntata del serale di Amici di sabato 2 aprile si è chiusa con un tributo a Piero Sonaglia. "Ciao Piero", si legge in sovrimpressione.

Amici tributo Piero Sonaglia

Come in molti sapranno le puntate del serale di Amici non vengono mandate in onda in diretta, ma sono invece registrate. Proprio per questo motivo i telespettatori da casa non hanno visto Maria De Filippi dedicare un ultimo pensiero all’assistente di studio e amico Piero Sonaglia.

Nonostante ciò l’omaggio a Sonaglia c’è stato. Nella chiusura della terza puntata di sabato 2 aprile è stato trasmesso un video a dir poco “da brividi”, un ricordo davvero sentito che suona come un ultimo piccolo regalo a chi si è speso tanto lavorando nel dietro le quinte di alcuni dei programmi più importanti di casa Mediaset, ma non solo.

Il serale di Amici dedica un tributo a Piero Sonaglia

Lo show di Amici con la sua “buonanotte” ha voluto dedicare molto più che un semplice pensiero.

In sottofondo sono state mandate in onda alcune delle clip più significative dell’assistente di studio, il tutto accompagnato dal meraviglioso brano “Angeli” di Vasco Rossi.

Ecco che lo vediamo rivolgersi al pubblico naturalmente con il suo inconfondibile sorriso, non ultimo in sovrimpresssione leggiamo due semplici parole, eppure per questo non meno significative: Le due parole “Ciao Piero” raccontano infatti come il vuoto lasciato da Sonaglia difficilmente sarà colmabile.

Il saluto toccante di Maria De Filippi

Qualche ora prima che il serale andasse in onda, Maria De Filippi ha pubblicato un lungo post di saluto particolarmente toccante:

“Fa davvero malissimo. La tua voce, il tuo volto, il tuo sguardo attento, il tuo modo di esserci, la capacità di ascoltare. Sempre teso a cercare di fare la cosa giusta. Ho iniziato con te. Ho vissuto il mio lavoro sempre con te, con il tuo sorriso e le tue spalle forti, pronto a portare la tua squadra e me per prima, sempre sani e salvi in porto.

Nel modo giusto, per tutti. E ogni volta che sarò in studio non smetterò di cercare il tuo sguardo nella certezza che ti troverò, che mi capirai in un secondo come sempre, nella certezza che alzerai il pollice per dirmi che va tutto bene. Ti ho voluto bene, ti voglio bene e te ne vorrò sempre”.

Contents.media
Ultima ora