×

Morto Gerd Muller, il bomber più bomber di sempre

Morto Gerd Muller, il bomber più bomber di sempre, realizzò numeri clamorosi: 566 gol con la maglia del Bayern e 68 con la Germania dell'Ovest

erd Muller, "Der Bomber"

È morto all’età di 75 anni e dopo una lunga malattia debilitante Gerd Muller, il bomber più bomber di sempre, nessuno come lui nel calcio finalizzatore, né in Germania né al mondo. L’impronta che Muller lascia nel mondo del calcio è di quelle permanenti e fortissime, forti come solo un calciatore che riuscì a lasciarla in barba alla rivoluzione calcistica olandese ha saputo fare.

Per dire chi sia stato e chi rimarrà per sempre Gerd Muller non basterebbe un manuale di calcio, meglio perciò far parlare i risultati in sommatoria della sua grandezza, invece che provare a descrivere la stessa. 

Morto Gerd Muller, il bomber: i numeri da record di un campione assoluto

Partiamo dai gol segnati in partire ufficiali: 566 in 607 match ufficiali con la maglia del Bayern Monaco, il club della sua vita.

Poi 68 in 62 presenze nella nazionale della Germania Ovest. Insomma, quando in Germania alludendo a Muller lo chiamavano “Der Bomber” non avevano un’oncia di torto. Muller detiene tuttora il record di gol segnati in Bundesliga, sono 365, uno per ogni giorno di un anno. Tanti gol ma anche tanti risultati: Europei e Mondiali nell’arco di due anni (1972 e 1974) con la sua nazionale. 

Il bomber per eccellenza è morto: cosa aveva vinto Gerd Muller

Attenzione: ovviamente segnò in entrambe le finali. Poi tre Coppe dei Campioni con il Bayern, coppe con le quali Muller e i suoi stroncarono il dominio dell’Ajax. Inoltre una una Coppa delle Coppe e un’Intercontinentale. Muller semplicemente faceva gol: lo faceva tanto bene e con tanta naturalezza da segnare 14 reti nelle fasi finali dei Mondiali, primato questo mantenuto a lungo. Poi arrivarono Ronaldo il Fenomeno e Miro Klose a migliorarlo, ma lustri e lustri dopo.

Per 49 anni Muller ha mantenuto il primato di marcature in una singola edizione della Bundesliga: 40

Morto il “Bomber”, il ricordo di Gerd Muller, icona del Bayern e del calcio mondiale

E il presidente del Bayern Herbert Hainer ha voluto ricordare, assieme a centinaia di altri esponenti del calcio di ieri e di oggi, “Der Bomber”: “Il Bayern non sarebbe così amato se non ci fosse stato lui”. La Federcalcio tedesca lo ricorda con un tweet: “La federazione piange uno dei più grandi calciatori tedeschi di tutti i tempi. Riposa in pace, Gerd Muller. Noi penseremo a tua moglie e alla tua famiglia”.  Muller aveva avuto un periodo buio ma si era poi ripreso, tuttavia dal 2015 soffriva del morbo di Alzheimer. Di lui ha detto l’ex portierone italiano Enrico Albertosi. “Senza di lui Italia-Germania del ’70 non sarebbe stata la partita del secolo”.

Contents.media
Ultima ora