×

Mubarak agli arresti

L’ex-rais egiziano e suoi due figli Alaa e Gamal sono stati posti in custodia cautelare per 15 giorni, l’annuncio arriva dalla procura egiziana competente per l’attuazione della misura cautelativa. Alaa e Gamal hanno già lasciato Sharm el Sheikh su un aereo privato sotto sorveglianza, destinazione Cairo dove verranno trasferiti nel carcere di Tora, istituto nel quale sono detenuti altri esponenti di spicco del vecchio regime. Lo riferiscono fonti dell’aeroporto di Sharm, che aggiungono con riferimento all’ex presidente che Mubarak è tuttora ricoverato in ospedale. Già Mubarak sta male. E’ stato ricoverato ieri in ospedale a Sharm el Sheikh, anche se in terapia intensiva le sue condizioni sono stabili. Lo ha riferito la scorsa notte la televisione di Stato egiziana, la stessa che qualche ora prima aveva dato la notizia del ricovero di Mubarak in seguito ad una crisi cardiaca che lo avrebbe colpito proprio mentre veniva interrogato dalle autorità giudiziarie.

L’accelerazione processuale nei confronti dell’ex-rais e dei suoi 2 figli arriva dopo giorni di tensione sfociati in un breve ma intenso rigurgito di violenza da parte del nuovo apparato statale, con la morte confermata di 2 manifestanti dopo gli scontri con le forze dell’ordine egiziane proprio nello scenario simbolo della rivoluzione: piazza Tahrir. I manifestanti chiedevano di processare Mubarak e la reazione alla protesta ad oltranza che stava prendendo corpo era stata la solita violenza di regime. Poi la svolta. La magistratura ha fatto sapere che le resistenze dell’apparato statale, che si compone anche di uomini vicini all’ex-regime, non avrebbero modificato il corso delle inchieste, una per malversazione e abuso di potere e l’altra per le violenze compiute al fine di reprimere la protesta dei manifestanti all’inizio della rivoluzione.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Caricamento...

Leggi anche