×
Home > Guide > Mugello 2010: Dani Pedrosa felice per la Pole ottenuta
05/06/2010 | di Maurizio Romani

Mugello 2010: Dani Pedrosa felice per la Pole ottenuta

Dani dovrà tenere sottocchio Lorenzo

Dani Pedrosa al settimo cielo, per la pole conseguita nella sessione di prove ufficiali di oggi. Grazie ad un fantastico 1’48.819, ottenuto nell’ultimo giro disponibile. Ora Pedrosa, guida della Honda HRC ufficiale, punta solo a vincere domani, nutrendo buone speranze viste le belle cose che la sua cavalcatura gli ha permesso di fare nelle prove libere ed in qualifica. Come afferma lui stesso, Jorge Lorenzo, suo connazionale, è l’uomo da battere. La sua Honda deve trovare un paio di decimi a giro ed un rendimento uniforme in tutto l’arco della gara, vista la performance altalenante avuta nella parte finale del MotoGP di Francia.

“E’ grandioso essere in pole qui” ci dice Dani Pedrosa “e abbiamo lavorato molto duramente sia nella sessione di libere che in qualifica, questo pomeriggio, per migliorare le cose rispetto a ieri.

Abbiamo ottenuto la pole, e sono soddisfatto. L’essere in prima fila è la cosa importante e dobbiamo mantenere alta la concentrazione perché vincere la gara è l’obiettivo – dobbiamo farcela domani! Abbiamo spinto molto al termine della sessione e siamo riusciti a fare un buon giro finale, ma il fattore più importante è che siamo riusciti ad essere anche costanti.

Lorenzo sarà l’uomo da battere domani, ma siamo fiduciosi, la moto si comporta in modo migliore e siamo in forma rispetto alla scorsa gara di Le Mans. Quindi, domani, per la gara speriamo di mantenere un alto livello di performance fino alla fine. Dobbiamo ancora migliorare il nostro passo gara ma mi sento molto bene qui, e penso che sarà una gara molto divertente vista l’atmosfera generata dai fans.

Non ho visto l’incidente di Rossi, ma ciò che ho sentito riguardo all’infortunio non suona molto bene.

E’ un peccato perché noi piloti sappiamo come ci si sente quando ci si fa male, e spero solo che l’operazione vada bene per lui, perché il primo intervento è sempre il più importante.”


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche