> > Muore soffocata da un boccone davanti ai colleghi: tragedia a Settimo Milanese

Muore soffocata da un boccone davanti ai colleghi: tragedia a Settimo Milanese

muore-soffocata-da-un-boccone-davanti-ai-colleghi-tragedia-a-settimo-milanese

Muore soffocata da un boccone davanti ai colleghi: tragedia a Settimo Milanese

Un semplice boccone, e poi la morte.

Muore soffocata a Settimo Milanese, davanti ai suoi colleghi. Inutili i tentativi di soccorrerla, anche da parte del personale sanitario.

Muore soffocata da un boccone davanti ai colleghi: tragedia a Settimo Milanese

Come Liliana Resinovich, un’altra vittima di un boccone di troppo. La vittima stava mangiando con i suoi colleghi, in pausa pranzo, presso gli uffici municipali.

Non si sa quale sia stato il gesto inconsulto che ha fatto prima.

All’improvviso non riesce a respirare: le è andato di traverso un pezzo di carne, che le ha ostruito le vie respiratorie

Purtroppo, nonostante le manovre e i soccorsi arrivati in tempo, Laura Sossi muore a 59 anni, per soffocamento dovuto ad un pezzo di carne in gola.

Chi è la vittima della tragedia di Settimo Milanese

La vittima si chiama Laura Sossi, di anni 59. Era una dipendente comunale, ed era solita mangiare con i colleghi in sede, presso gli uffici del Municipio di Settimo Milanese.

In un messaggio sui social, seguito da decine di commenti di cordoglio, l‘amministrazione comunale si unisce al dolore del marito e e delle tre figlie:

“[l’amministrazione è] sconvolta per la scomparsa della propria dipendente […] si stringe alla famiglia in questo improvviso e inaspettato immenso dolore”.

Inutili i soccorsi di Settimo Milanese

Appena il pezzo di carne le ha ostruito le vie respiratorie, i colleghi d’ufficio hanno provato di tutto per salvarla.

Per loro fortuna sul posto è accorsa un’infermiera che si trovava allo sportello dell’ufficio Anagrafe. La donna ha praticato la manovra di Heimlich, ma senza successo.

Anche i soccorsi del 118 di Settimo Milanese sono accorsi il prima possibile, allertati dal personale comunale.

Purtroppo la donna era già in arresto cardiocircolatorio e, nonostante i tentativi di rianimazione, per lei non c’è stato nulla da fare