×

Musei in sciopero per i tagli alla cultura

Il 12 novembre i musei, le biblioteche e i siti archeologici gestiti dai comuni chiuderanno i battenti per protestare contro la manovra finanziaria.

sciopero

Il prossimo 12 novembre, centinaia di musei, biblioteche e siti di interesse archeologico chiuderanno i battenti per protestare contro i tagli alla cultura previsti dalla Finanziaria. Molte strutture, invece, aderiranno alla protesta permettendo ai visitatori di accedere senza pagare il biglietto d’ingresso.

L’iniziativa, intitolata “Porte chiuse, luci accese sulla cultura”, è stata lanciata oggi all’Auditorium Parco della Musica di Roma da Federculture, Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e Fai (Fondo Ambiente Italiano), e coinvolgerà esclusivamente i siti gestiti dalle amministrazioni comunali.

Roberto Grossi, presidente di Federculture, ha così commentato l’iniziativa: “Abbiamo immaginato una chiusura, una manovra forte, di protesta, con l’obiettivo di sollecitare la considerazione dell’incostituzionalità di alcuni punti della manovra finanziaria”. E ha poi aggiunto: “Questa è una di quelle conferenza stampa che non avremmo mai voluto fare”.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche