Napoli rubato albero di Natale in galleria in meno di 24 ore
Napoli rubato albero di Natale in galleria in meno di 24 ore
Napoli

Napoli rubato albero di Natale in galleria in meno di 24 ore

Albero di Natale
A meno di 24 dalla sua posa nella galleria Umberto I di Napoli, l'albero di Natale è stato rubato durante la notte. Recise le radici.

A meno di 24 dalla sua posa nella galleria Umberto I di Napoli, l'albero di Natale è stato rubato durante la notte. Recise le radici.

Sembra che il 2017 sia un anno fortunato per gli alberi di Natale usati nelle grandi Città italiane. Da poco è spirato “Spelacchio“, l’albero di Natale sito in piazza Venezia a Roma. Uno degli alberi più famosi e criticati del mondo social italiano. Ma adesso, questo vecchio abete ormai morto non sarà più solo sotto i riflettori della cronaca italiana. Stanotte a Napoli, l’albero di Natale che da poco meno di 24 ore era stato messo nella Galleria Umberto I, è stato rubato. Qualcuno deve averne notato la bellezza e ha deciso di sottrarlo allo sguardo del pubblico napoletano che affolla la meravigliosa galleria partenopea. Uno sfregio senza dubbio.

A peggiorare le cose la violenza con cui è stato sottratto l’albero di Natale al suo pubblico. Reciso di netto il tronco dalle sue radici e trascinato via. Possibilmente si pensa sia stata usata una motosega. Il furto è avvenuto durante la notte.

Un destino beffardo quello degli alberi natalizi italiani. Una stagione da dimenticare insomma.

L’albero di Natale di Napoli

Vita breve ha avuto questo sfortunato abete addobbato. Era stato installato appena ieri mattina intono alle 10. All’inaugurazione aveva partecipato il presidente della Commissione ambiente in Consiglio regionale, Marco Gaudini. Seguito dal proprietario del Cafè storico Gambrinus Massimiliano Rosati e dal consigliere comunale dei Verdi Francesco Emilio Borelli. Assieme all’albero sono stati recisi di netto anche i sogni e le speranze dei napoletani. Non è solo una espressione poetica quanto la realtà. Oltre agli addobbi (tutti portati via insieme all’albero), sono state portate via anche le lettere che i cittadini hanno appeso tra i rami dell’abete. L’albero dei desideri era stato ribattezzato.

Si sospetta che i teppisti che hanno portato via l’albero appartengano a una qualche babygang. Un problema che già da tempo infesta le strade di Napoli e mina la sicurezza dei cittadini.

Durante l’inaugurazione, il consigliere dei Verdi, Borelli, aveva proprio di fatto dichiarato guerra alle babygang napoletane. Una guerra dove Borelli ha aggiunto che i cittadini partenopei non si arrenderanno alle scorribande e agli atti violenti dei giovani. Giovani che tramite questi atti balordi tentano di affiliarsi alle file della Camorra. In tutto questo il furto dell’albero sembra proprio configurarsi come il lancio di un guanto di sfida contro le istituzioni e le personalità politiche della città di Napoli.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.