Come nascondere il naso aquilino con dei semplici rimedi naturali
Come nascondere il naso aquilino con dei semplici rimedi naturali
Lifestyle

Come nascondere il naso aquilino con dei semplici rimedi naturali

naso aquilino

Il naso è una delle parti più caratterizzanti e riconoscibili del volto. Avere un naso a uncino può essere un fattore di disagio, ma basta saperlo camuffare per apprezzare di più il proprio profilo.

Avere un naso aquilino è considerato un difetto estetico, nonostante sia un naso “storico”. Nel tempo infatti ha acquisito una quantità di nomignoli elevata e le battute su questa caratteristica facciale non vengono risparmiate. Quello che rende questa tipologia di naso così riconoscibile è la presenza di una gobba, di un ponte e di un dorso molto pronunciati. A volte la punta del naso può terminare rivolta verso il basso e in questo caso il naso viene chiamato “adunco”.

A uncino, romano, dantesco… tanti nomi che parlano della forma o della provenienza delle persone con questo naso che ricorda un po’ il becco di un’aquila (da qui aquilino). E, sebbene siano passati secoli, il problema principale rimane come camuffarlo. Perché? Per il semplice motivo che molte donne, a differenza degli uomini, si sentono a disagio, specie se di profilo.

Perché nascondere il naso aquilino

A parte il fatto che alcune potrebbero sentirsi poco femminili e quindi avere una motivazione personale, la cultura estetica in questo caso non viene in aiuto.

Il naso aquilino è considerato infatti un segno distintivo di un volto che incute timore. O di qualcuno con una personalità rude oppure con un’intelligenza sopraffina. Nel passato si diceva addirittura che le persone con il naso aquilino erano molto fredde e distaccate e quest’idea è arrivata fino ai nostri giorni.

Qualsiasi cosa si dica o si creda, nessuno può contraddire un semplice dato di fatto: molte vip devono una parte del loro fascino proprio al loro naso. Tra queste spiccano Lady D, l’attrice Anjelica Huston o Barbra Streisand e moltissime altre. Non tutte quindi nascondono questo difetto e, anzi, sono fiere di mostrarlo. O, ancora, sanno come non darci troppo peso.

Come nascondere il naso aquilino

Escludendo la rinoplastica, esistono essenzialmente due modi per nascondere un naso aquilino. Capelli e trucco. Scegliendo il taglio giusto e il make up più appropriato il naso romano non darà più problemi. Anzi, il vostro viso verrà risaltato. Ma vediamo in maniera più approfondita come.

Taglio di capelli

La prima cosa da fare, per le donne che non possono vedersi con un naso arcuato, è cambiare look. Con questa decisione è fondamentale rivolgersi a un esperto per scegliere accuratamente come valorizzare le forme del viso. In ogni caso, ci sono alcune regole fondamentali da seguire:

  • Per prima cosa bisogna evitare i capelli ricci, partendo da un taglio medio o corto.
  • Si consiglia inoltre di fare una bella frangia, un ciuffo ampio e asimmetrico o, se non ci si trova bene, di tirare i capelli indietro, ai lati. In questo modo si crea un effetto di allungamento del viso che camuffa la gobba del naso.
  • Un’altra regola è quella di evitare i capelli lisci e lunghi. Se sono di colore scuro assomiglierete a Morticia Addams e accentuerete così la presenza della gobba.
  • Il taglio migliore è il caschetto o il carré. I capelli andranno portati lunghi fino alle orecchie e dovranno essere di un colore chiaro o sfumato sul castano.
  • Un’altra idea è quella di sfruttare un taglio scalato per dare più volume e movimento – e quindi meno rigidità – alle linee del volto. Meglio se chiedete un parere a un bravo parrucchiere, ma la lunghezza del taglio non deve superare le spalle.
  • Scegliete acconciature voluminose, preferite le onde ai ricci in modo da spostare l’attenzione ai lati del viso e non al centro.

Make up

Per camuffare un naso aquilino è importante giocare con luci e ombre. Per questo si consiglia di iniziare stendendo una base di fondotinta coprente su tutto il volto. A questo punto:

  • con un correttore più scuro dell’incarnato coprite il dorso del naso. In questa maniera non risalterà troppo;
  • con un correttore chiaro illuminate la radice del naso e l’area laterale tra quest’ultimo e le due sopracciglia;
  • date ai vostri occhi una forma allungata verso l’esterno e usate ombretti molto chiari e/o perlati. Non dimenticate di abbondare con il mascara.

Se ancora non siete soddisfatte o se avete problemi a respirare, prima di ricorrere all’intervento chirurgico di rinoplastica sappiate che esiste un’altra soluzione “naturale”. Si tratta di un nuovo oggetto che è uscito sul mercato americano e da qualche anno è possibile trovarlo anche da noi. Ma solo ed esclusivamente online, sul sito ufficiale. Si chiama Rhino Correct, una pinza nasale in grado di rimodellare le cartilagini nasali.

Rhino Correct è un tutore di plastica con attaccati dei cuscinetti di silicone che si possono regolare a seconda delle necessità. Questi cuscinetti possono schiacciare la cartilagine nasale in modo tale da riuscire a modellarla a piacimento, fino a mandare via la gobba dal naso. È possibile inoltre alzare la punta del naso, allungarlo o ridurne la larghezza. Questo particolare tutore andrebbe indossato per 15 minuti quattro volte alla settimana. I risultati diventano visibili già dal secondo mese in quanto il naso viene risollevato di 1-2 millimetri al mese.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche