×

Natale, in Perù ci si scambia gli auguri prendendosi a pugni: cos’è il Festival Takanuy

Sulle Ande nella provincia di Chumbivilcas ci si fa gli auguri in modo particolare: prendendosi a pugni. Cos'è il festival Takanuy.

Festival Takanuy cos'è

Paese che vai usanza (natalizia) che trovi. Dal Perù ne arriva una a dir poco singolare e dal significato davvero sbalorditivo. Se infatti in linea generale in buona parte dei Paesi dell’occidente ci si scambia gli auguri di Natale facendosi dei doni, sulle Ande e precisamente nella provincia peruviana di Chumbivilcas ci si augura un buon Natale prendendosi a pugni davanti ad una folla di persone.

Si tratta del Festival Takanuy, un grande evento che viene organizzato ogni anno il 25 dicembre. 

Festival Takanuy cos’è, perché ci si prende a pugni? 

Ma perché si è scelto proprio di prendersi a pugni? C’è una ragione precisa. L’area di Chumbivilcas non è stata raggiunta da stazioni di polizia inoltre, era usanza che la giustizia venisse amministrata dai potenti. Per questo motivo molto spesso non c’era altra alternativa se non quella di farsi giustizia da soli.

Ad ogni modo in questo particolare caso si tratta di una violenza totalmente controllata, tanto che è presente un arbitro che assicura che vengano rispettate le regole. 

Festival Takanuy cos’è, lo scopo del combattimento 

In questo senso lo scopo del combattimento non è, come si potrebbe inizialmente pensare, ottenere vendetta, quanto piuttosto fare pace creando quindi armonia nella comunità, ma al contempo ripulire la mente da tutta la rabbia e il rancore.

Proprio per questo motivo si inizia e si finisce nel segno della “pace” attraverso gesti semplici come una stretta di mano. 

Festival Takanuy cos’è, il significato del nome 

Il significato letterale del nome “Takanuy” è alquanto evocativo. Significa infatti “quando il sangue sta bollendo” e richiama appunto il fermento del sangue quando ci si arrabbia e ci si prende a pugni. Questo festival è aperto a tutti compresi donne, bambini e anziani. 

Contents.media
Ultima ora