Naufragio in Missouri: 9 vittime sono della stessa famiglia
Naufragio in Missouri: 9 vittime sono della stessa famiglia
Esteri

Naufragio in Missouri: 9 vittime sono della stessa famiglia

Naufragio in Missouri
Naufragio in Missouri

Tra le 17 vittime del Naufragio, 9 appartengono alla stessa famiglia

Subito si è parlato di undici persone, inclusi bambini, morte nell’affondamento di una barcone turistico sul lago Missouri. Immediati i soccorsi, ma all’appello mancavano ancora cinque persone. Sette erano state ricoverate in ospedale. Il bilancio definitivo del naufragio in Missouri è di 17 vittime. Tra le persone che non ci sono più c’è una famiglia andata distrutta, spezzata per sempre. Infatti, nove delle diciassette persone morte nel naufragio provenivano dalla famiglia Coleman, dell’Indianapolis. Tra loro ci sarebbero almeno 3 bambini. I Coleman sarebbero dovuti essere su un’altra barca. Questo rende ancora più fatale e tragico il destino scagliatosi tanto tristemente sulla famiglia. Purtroppo però, la confusione dei biglietti ha fatto sì che si imbarcassero nel posto sbagliato.

Una famiglia spezzata

Nove delle 17 vittime del naufragio del barcone turistico in Missouri fanno parte della stessa famiglia. Lo hanno riferito i media americani secondo cui a bordo del mezzo anfibio non c’erano giubbotti di salvataggio.

“Il mio cuore è molto pesante.

Di noi 11 soltanto due sono sopravvissuti, io e mio nipote”. A dichiararlo con la voce rotta dal pianto è Tia Coleman, dal letto di ospedale. “Ho perso tutti i miei figli. Ho perso mio marito. Con loro se ne son andati anche mia suocera e mio suocero”, ha aggiunto distrutta. Comprensibilmente, per una donna che è rimasta sola, privata per sempre dei suoi affetti più cari, non può esserci dolore più grande. Con loro, sono venuti a mancare anche altri parenti della donna. La Coleman ha rivelato che il capitano del barcone turistico aveva detto che non avrebbero avuto bisogno dei giubbotti di salvataggio. Poi però: “Quando è arrivato il momento di usarli era troppo tardi”. Il New York Times, che cita un altro familiare, Carolyn Coleman, riporta che anche quattro bambini della famiglia sono morti nell’incidente. I Coleman avevano affittato un pulmino. Così erano andati tutti insieme a Branson per la loro annuale vacanza. Secondo la polizia 31 persone erano a bordo della “duck boat” al momento del naufragio avvenuto per i forti venti e le onde che hanno fatto affondare l’imbarcazione.

Naufragio in Missouri

La famiglia Coleman

Horace Butch Coleman, 70 anni, il patriarca della famiglia, è stato ricordato e commemorato sui social network. Definito una “leggenda della comunità”, con la sua bontà e immensa generosità ha speso più di 40 anni della sua vita per dedicarsi ad attività di volontariato nella sua zona.

Sua moglie, Belinda Coleman, 69 anni, e suo fratello, Irving Raymond Coleman, 76, sono stati uccisi dal terribile temporale che ha provocato il naufragio. Stessa drammatica sorte per i cugini di Belinda, Angela Coleman, 45 anni, e Glenn Coleman, 40 anni. A riferirlo è IndyStar. Anche il figlioletto di Angela, Maxwell, di appena due anni, è morto nel tragico incidente. Con lui anche come i figli del cugino Glenn: Evan, 7 anni, e Reece, 9 anni. Una vita appena iniziata e così tragicamente conclusa vede protagonista anche Arya, la figlia di un anno.

Ua donna che incontrò la famiglia prima di imbarcarsi (si tratta di Tracy Beck, di Kansas City) ha rivelato di aver incontrato i Coleman poco prima di imbarcarsi. La Beck ha raccontato che lei e la sua famiglia stavano aspettando in fila per un’altra barca quando la famiglia dell’Indiana ha chiesto gentilmente che gli venisse scattata una foto di gruppo, in ricordo dei una vacanza mai iniziata.

Tracy ha detto che il bigliettaio si è reso conto che i Coleman avrebbero dovuto imbarcarsi in un altro posto a Branson. Ormai però era troppo tardi. Così, i Coleman dovettero ottenere nuovi biglietti e furono imbarcati su quella maledetta nave turistica.

Il naufragio

L’incidente sul Table Rock Lake è avvenuto nel tardo pomeriggio di giovedì 19 luglio 2018 davanti agli occhi di diversi testimoni, uno dei quali ha anche filmato l’imbarcazione, la “duck boat”, che lottava contro le acque agitate dal maltempo, vicino a Branson, la popolare meta di vacanze americana. A causare il terribile naufragio sarebbe stato un forte temporale scatenatosi sul lago. Sono stati registrati venti che hanno superato i 100 km/h causando anche danni ad alcune strutture nell’area. “Credo di poter affermare che l’affondamento sia stato causato dal temporale”. A confermarlo è stato Doug Rader, sceriffo della contea di Stone.

Naufragio in Missouri

La nave su cui viaggiavano le vittime non era adatta ad affrontare un viaggio simile, nel cuore movimentato e turbolento del lago Missouri. Questo tipo di imbarcazione, infatti, non è nuovo a incidenti simili. Infatti, già nel 2015 a Seattle l’affondamento di una di esse aveva causato la morte di cinque studenti. E ancora, nel 1999 in Arkansas in un incidente analogo erano morte tredici persone. Queste imbarcazioni sono state progettate ai tempi della Seconda Guerra mondiale per il trasporto di truppe e materiali, ma sono state in seguito adattate a veicoli da turismo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Asia Angaroni 819 Articoli
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.