Nave italiana riporta migranti in Libia: è polemica
Nave italiana riporta migranti in Libia: è polemica
Cronaca

Nave italiana riporta migranti in Libia: è polemica

migranti

Avrebbe violato la legge internazionale che non riconosce Tripoli come porto sicuro, ma Salvini nega.

Una nave italiana ha riportato in Libia 108 migranti soccorsi nel Mediterraneo. Si tratta di un fatto senza precedenti, in violazione della legislazione internazionale che garantisce il diritto d’asilo e che, secondo la convenzione di Ginevra, non riconosce la Libia come un porto sicuro in cui far sbarcare i migranti soccorsi.
La Asso 28, nave di supporto a una piattaforma petrolifera, ha ricevuto indicazioni dalla sala operativa di Roma di coordinarsi con la Guardia costiera libica e, una volta prese a bordo le 108 persone, le ha sbarcate nel porto di Tripoli. Nessuno dei migranti, però, ha avuto la possibilità di chiedere asilo come garantito dalla legge.

La Libia non è un porto sicuro e questo atto potrebbe comportare una violazione del diritto internazionale”, ha avvertito l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati. Nelle scorse settimane la portavoce del Consiglio d’Europa aveva ribadito che “nessuna nave europea può riportare migranti in Libia perché contrario ai nostri principi”.

Salvini sui migranti: “L’Italia non ha partecipato”

A inizio luglio un’altra nave di supporto a una piattaforma petrolifera, la Vos Thalassa, stava per consegnare alcuni migranti soccorsi a una motovedetta libica quando un tentativo di rivolta ha convinto il comandante a invertire la rotta e a chiedere l’aiuto della Guardia costiera italiana.

Quest’ultima ha poi preso a bordo della nave Diciotti i migranti sbarcandoli a Trapani dopo l’intervento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

“La guardia Costiera italiana non ha coordinato e partecipato a nessuna di queste operazioni, come falsamente dichiarato da una Ong straniera e da un parlamentare di sinistra male informato”, ha scritto sui social il ministro dell’Interno Matteo Salvini (da sempre critico nei confronti dell’Europa sulla gestione dei migranti) riferendosi alle parole del deputato di Liberi e Uguali Nicola Fratoianni, che ha chiesto spiegazioni sul caso della nave Asso 28.

Continuano i soccorsi nel Mediterraneo

Intanto non si fermano le operazioni di soccorso nel Meditarraneo. Lunedì 30 luglio 2018 sei gommoni sono stati avvistati dall’aereo della Ong francese Pilotes Volontaires con almeno 600 persone a bordo, 350 quelle di cui si ha notizia perché riportate in Libia dalla Guardia costiera libica ma anche dalla nave italiana.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora
Burberry Cofanetto Regalo Profumo Burberry Weekend For Men + All Over Shampoo
39.5 €
Compra ora